Via Macchia Grande come una pista da corsa, chiesti interventi

L'appello di Giovanni Delle Cave, dell'associazione familiari e vittime della strada, in seguito alle segnalazioni dei residenti della zona

Un tratto di via Macchia Grande

Già qualche mese fa l’associazione familiari e vittime della strada, per voce del suo vice presidente Giovanni Delle Cave, aveva fatto appello alle istituzioni per una serie di interventi immediati volti a garantire la sicurezza lungo via Epitaffio, strada tra le più pericolose del capoluogo pontino ed a più alta incidentalità.

E questa volta a fronte di numerose segnalazioni che sono arrivate dagli abitanti della zona chiede una più alta presenza delle forze dell’ordine su via Macchia Grande a Borgo Sabotino.

I residenti, come spiga Giovanni delle Cave, lamentano l’eccessiva velocità degli automobilisti che attraversano la strada trasformando via Macchia Grande in una vera e propria pista da corsa.

“Vista la pericolosità si chiede di intervenire con urgenza per evitare gravi incidenti” scrive il vice presidente dell'associazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Incidente sull'Appia, scontro tra auto e moto: la vittima è Sacha Carnevale

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

Torna su
LatinaToday è in caricamento