Cronaca

Skate park, è polemica: botta e risposta tra Di Giorgi e Zuliani

Il sindaco dopo l'intervento della consigliera per il mancato inserimento del progetto nella riqualificazione del Parco San Marco: "Allo studio un intervento adeguato e in massima sicurezza". Pronta la replica della Zuliani

Lo skate park si farà, ma non al parco San Marco. A parlare è l’amministrazione comunale, nei giorni scorsi chiamata in causa dalla consigliera comunale del Pd, Nicoletta Zuliani, che l’aveva accusata di “aver imbrogliato i giovani” promettendo prima, e disattendendo poi, la realizzazione della pista per gli skaters all’interno del parco San Marco.

Ora a parlare è lo stesso sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, intervenuto per fare alcune precisazioni.

“Come ho già fatto in altre sedi confermo la mia volontà e quella dell’intera maggioranza di realizzare uno Skate park in un’area adeguata della città che possa consentire ai giovani appassionati di questa bellissima disciplina di poterla praticare in una struttura adeguata e con le necessarie condizioni di sicurezza” spiega il primo cittadino in una nota.

“Per questo motivo l’amministrazione sta valutando tutti gli aspetti procedurali ed anche economici per arrivare a realizzare un progetto che, ripeto, io stesso intendo portare a compimento. In questo quadro avevamo inizialmente inserito la realizzazione di uno Skate park all’interno del più ampio progetto di rifacimento e riqualificazione di Parco San Marco, ritenendo quello spazio adeguato per tale finalità.

L’attento studio del progetto per lo Skate park – prosegue Di Giorgi - ci ha portato tuttavia ad approfondire tutti gli aspetti, verificando che un tale progetto necessita di alcuni adempimenti essenziali. Intanto, lo Skate park è a tutti gli effetti un impianto sportivo e per questo necessita di tutti i requisiti di progettazione e di sicurezza, nonché un apposito percorso che ne preveda la gestione e manutenzione, comportando anche un cospicuo impegno di fondi.

In sostanza considerando che lo Skate park non è un intervento di verde pubblico ma prevede la realizzazione di un vero impianto sportivo, stiamo studiando il percorso più adatto e il reperimento dei necessari fondi. Confermo, quindi, la volontà di realizzare l’opera, ma sia chiaro che noi non intendiamo realizzare una semplice “rampa” incustodita e alla mercé dei vandali, ma garantire agli appassionati di skate una struttura adeguata e nella massima sicurezza”.

In conclusione un chiaro riferimento all’attacco della consigliera del Pd. “Se la consigliera Nicoletta Zuliani avesse avuto veramente a cuore quest’opera, come io ho a cuore, invece di raccogliere firme o di parlare a mezzo stampa utilizzando termine forti e davvero inappropriati come “vigliaccate”, “inganni”, “imbrogli”, avrebbe fatto cosa importante nel confrontarsi con me in maniera costruttiva, lavorando insieme per soddisfare le giuste esigenze dei nostri giovani”.    

LA RISPOSTA DELLA ZULIANI - "Ci fa piacere sapere che il progetto dello skate park non è andato a morire, ma resto dell’idea che le parole di un sindaco siano importanti e abbiano il loro peso. Il primo cittadino di Latina aveva detto che lo skate park sarebbe stato inserito nel progetto preliminare di riqualificazione del parco San Marco e non solo non è stato fatto, ma lo stesso sindaco nemmeno si è preoccupato di comunicare nulla in anticipo di questo ripensamento con un comunicato o chiamando i diretti interessati che avevano presentato richiesta per la realizzazione di un’area dedicata allo sport minore dello skate. Stando così le cose non posso che interpretare le parole dette nel consiglio del 29 ottobre come mere intenzioni, non come un impegno vero, testimoniato da atti amministrativi" ha risposto la Zualini al sindaco Di Giorgi.

"Al di là del ritardo con cui il sindaco ha spiegato i motivi per i quali lo skate park non è stato inserito all’interno del più ampio progetto di rifacimento e riqualificazione del parco San Marco – sottolinea la Zuliani - sarebbe importante che Di Giorgi prendesse contatto diretto con le parti che hanno sollecitato quest’intervento, tenendo per esempio un’assemblea pubblica in cui spiegare ai cittadini e ai ragazzi che hanno creduto e ancora credono in quest’iniziativa dove sarà costruito quest’impianto sportivo di cui si parla nella nota inviata oggi alle redazioni. Perché l’informazione data direttamente dalla fonte e il contatto diretto sono il modo più credibile per costruire una politica che abbia veramente al centro il cittadino".

La consigliera democratica, nel rispetto del ruolo che le compete, annuncia che controllerà e vigilerà sull’operato della maggioranza e perché tutto quanto è necessario per la realizzazione dello skate park sia effettivamente svolto.

 
«Quello dello skate park non è affatto un progetto minore perchè interessa la parte più importante della nostra città, ovvero i giovani. Avevamo creduto a una parola data - perché la parola del sindaco è verità - ma i fatti lo hanno smentito. Ora – conclude la Zuliani - ci aspettiamo di vedere un capitolo in bilancio con soldi stanziati allo scopo e l'inserimento del progetto nel piano triennale delle opere pubbliche. Solo questo potrà dare sostanza alla parola del sindaco».

                                                                                       

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Skate park, è polemica: botta e risposta tra Di Giorgi e Zuliani

LatinaToday è in caricamento