rotate-mobile
Domenica, 7 Agosto 2022
Cronaca

Nucleare, il Deposito nazionale di scorie non si farà a Latina

Lo ha precisato l'amministratore delegato di Sogin Luca Desiata in una conferenza stampa che si è tenuta all'ex centrale del Garigliano

"Le quattro ex centrali nucleari italiane e gli altri quattro siti gestiti dalla Sogin non sono idonei ad ospitare il Deposito nazionale delle scorie nucleari, ma solo a stoccaggi temporanei". Lo ha precisato l'amministratore delegato della Sogin, la società pubblica che si occupa dello smantellamento degli impianti nucleari, Luca Desiata, a margine di una conferenza stampa che si è tenuta alla ex centrale del Garigliano, a Sessa Aurunca. 

In altre parole il Deposito nazionale non sarà realizzato a Latina, né a Trino (Vercelli), Caorso (Piacenza), Garigliano (Caserta). Esclusi dunque gli impianti dismessi del ciclo del combustibile che si trovano a Rotondella (Matera), Saluggia (Vercelli), Casaccia (Roma) e Boscomarengo (Alessandria). 
La Sogin ha inoltre già pronta una mappa dei possibili siti in cui potrebbe essere collocato il Deposito nazionale, ma al momento si tratta di un documento non ancora reso noto che è al vaglio dei Ministeri dell'Ambiente e dello Sviluppo economico. Certo è che il Deposito di scorie nucleari dovrà essere realizzato in una zona non sismica e lontana dal mare e da centri abitati. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nucleare, il Deposito nazionale di scorie non si farà a Latina

LatinaToday è in caricamento