Cronaca

Nuove misure di prevenzione per i Ciarelli, aumenta la sorveglianza

Destinatari dei provvedimenti alcuni membri del noto clan; disposta la sorveglianza speciale per madre, padre e figlio

Nuovi provvedimenti preventivi nei confronti di alcuni membri della famiglia Ciarelli, che arrivano dopo le numerose confische degli ultimi anni. Destinatari dei provvedimenti sono Carmine Ciarelli, suo figlio Pasquale e Rosaria, convivente del primo e madre del secondo.

L’Ufficio Misure di Prevenzione della Questura di Latina, dopo i recenti arresti, ha avanzato una nuova richiesta di applicazione della sorveglianza speciale “che ha trovato riscontro in nuovi e gravi fatti delinquenziali” che hanno determinato il Tribunale ad accogliere le istanze ed a emettere  nuovi provvedimenti preventivi.

Come spiegano dalla Questura, il "gruppo di etnia zingara" stanziale a Latina “si  caratterizza per aver aderito completamente alla 'sottocultura' tipica delle loro origini di 'vivere con i proventi di attività illecite e del delinquere in genere'”.

Nei confronti del capofamiglia, il 46enne Carmine Ciarelli, il Collegio penale ha aggravato la sorveglianza speciale aumentandone la durata fino a 5 anni; “nonostante  i provvedimenti, afflitivi decretati proprio per porre fine alla sua escalation delinquenziale – spiegano dalla Questura - non ha mostrato alcun  ravvedimento,  continuando a  porre in essere comportamenti criminosi anche di particolare gravità tra i quali estorsioni lesioni, rapina  e traffico di sostanze stupefacenti”.

Sorveglianza speciale anche per il figlio di Carmine, Pasquale di 29 anni perché “nonostante già gravato da sorveglianza speciale, ha continuato a delinquere e a commettere reati tra i quali estorsioni, percosse, lesioni, varie inottemperanze agli obblighi imposti”. Inoltre, continuano sempre dalla Questura, è stato “colpito dall’ordine di custodia cautelare eseguita nell’aprile dell’anno scorso per i reati di associazione per delinquere, omicidio doloso, rapina, porto abusivo di armi in luogo pubblico, estorsione, usura, addestramento all’uso delle armi, esplosivi e gas”.

Infine anche per Rosaria De Rosa è prevista la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per 5 anni; anche lei è stata “arrestata nell’ambito dello stesso procedimento  perché  ritenuta tra i membri 'promotori, capi ed organizzatori dell’organizzazione criminale' (accusata di essere dedita  ai reati di estorsioni, usura, rapina, sequestro di persona, omicidi, tentati omicidi, ed altro)”.

Per ora tutti e tre  sono in carcere, per questo la sorveglianza sarà eseguita  al momento in cui torneranno in libertà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove misure di prevenzione per i Ciarelli, aumenta la sorveglianza

LatinaToday è in caricamento