menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scambio sospetto alla stazione: la polizia sequestra soldi ed eroina. Due arresti

In manette sono finiti un uomo di 45 anni e una giovane di 26 anni. L’operazione della Squadra Mobile

Un uomo 45 anni e una giovane di 26 anni sono stati arrestati ieri pomeriggio, 16 luglio, dalla Squadra Mobile di Latina per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. 

Gli arresti sono arrivati al termine di un’attività condotta dagli investigatori e iniziata già dal mattino quando nel corso di un’operazione di polizia giudiziaria finalizzata alla repressione del fenomeno dello spaccio di sostanza stupefacente gli agenti, a bordo di tre distinte autovetture “civetta”, hanno incrociato nel parcheggio della stazione una Mercedes Classe A guidata dal 45enne, già noto per precedenti specifici.

E’ stato l’atteggiamento sospetto dell’uomo a spingere gli investigatori della Squadra Mobile ad intraprendere un servizio di osservazione, appostamento e controllo durante il quale, poco dopo, è stata notata la 26enne extracomunitaria che, una volta scesa dal treno, a piedi e da sola, si è diretta verso il parcheggio dove c’era il 45enne.

La donna è stata quindi pedinata, a breve distanza, consentendo di accertare che l’uomo le aveva consegnato una mazzetta di denaro, avvolto con un elastico, in cambio di un involucro custodito all’interno degli slip. Una volta avvenuto lo scambio gli agenti sono intervenuti, bloccando entrambi e rinvenendo le banconote che poco prima erano state cedute dall’uomo, per un totale di 1.450 euro.

Nelle mani della donna è stato inoltre rinvenuto un involucro di cellophane trasparente contenente 35 grammi di eroina. Ancora, addosso all’uomo è stato trovato un coltello a serramanico con lama di circa 10 centimetri e la somma di ulteriori 1.090 euro verosimile provento di una attività di spaccio, rifornita propria dalla donna.

Quanto rinvenuto è stato sequestrato e gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati portati associati presso la Casa Circondariale di Roma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento