rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Banda di ladri in fuga forza il posto di blocco, esplosi dei colpi: un ferito

Da Roma est la folle fuga è terminata a Pomezia: ferito uno dei malviventi che viaggiavano a bordo di un’auto poi finita fuori strada. Spari della polizia per intimidire

E’ terminata a Pomezia la rocambolesca fuga di una banda di ladri iniziata a Roma est che ha movimentato la notte scorsa. Scene da film che hanno visto l’auto dei malviventi rimanere coinvolta in un incidente mentre la polizia ha sparato dei colpi di pistola per intimidire e arrestare la corsa della banda; un uomo di etnia rom è rimasto ferito ed è stato trasportato all’ospedale San Camillo dove è ora ricoverato.

Secondo quanto ricostruisce Lorenzo Nicolini su RomaToday l’uomo ferito viaggiava a bordo di un’Audi A2 insieme a tre connazionali e tutti insieme avevano deciso di saccheggiare un negozio nella borgata Finocchio a Roma con la tecnica di una spaccata. A metterli in fuga l'allarme dell'esercizio commerciale che ha contemporaneamente allertato anche le forze dell'ordine. Sul posto sono intervenute le volanti della polizia e da lì è iniziato un monitoraggio dei sospettati fino al Roma sud, in direzione Pomezia dove la corsa della banda è terminata.

Intorno alle 4 del mattino l'Audi A2 è stata intercetta in via della Solfarata. I quattro nel tentativo di guadagnarsi la fuga hanno cercato di investire alcuni poliziotti forzando così il posto di blocco. A quel punto gli agenti hanno sparato dei colpi di pistola intimando l'alt alla macchina. Uno dei proiettili ha ferito un componente della banda; il conducente dell'auto ha perso il controllo dell'auto che si è ribaltata. I quattro rom sono stati arrestati, dopo una fuga a piedi; il ferito come detto è stato trasportato all'ospedale San Camillo dove è tutt'ora ricoverato. Sono ora in corso ulteriori indagini da parte della polizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banda di ladri in fuga forza il posto di blocco, esplosi dei colpi: un ferito

LatinaToday è in caricamento