rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

"Spazio affido", presentato il nuovo progetto a Cori

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

I cittadini di Cori hanno confermato la loro sensibilità al tema dell’affido familiare, riempiendo la sala conferenze del Museo della Città e del Territorio in occasione del tavolo tematico ‘Famiglia = Risorsa. Scommessa vinta o nuova sfida?’ organizzato dall’Assessorato alle Politiche Sociali e dai Servizi Sociali dell’Ente lepino, alla presenza di alcuni testimoni che hanno già esperienza con questo istituto. È stato presentato il Progetto ‘Spazio Affido’, promosso dal Distretto Socio Sanitario LT/1 e dai Servizi Sociali dei Comuni di Aprilia, Cisterna, Cori e Rocca Massima. L’iniziativa è finanziata dalla Regione Lazio, realizzata in collaborazione con la Asl Latina 1 e gestita dalle cooperative sociali Astrolabio e Cotrad.

Sono intervenuti il Sindaco Tommaso Conti e l’Ass.re alle Politiche Sociali Chiara Cochi; il prof. Fabio Bassoli, psichiatra co-direttore di ISCRA – Istituto Modenese di Psicoterapia Sistemica e Relazionale; la dott.ssa Barbara Bononi, referente distrettuale del progetto ‘Spazio Affido’; il dott. Pio Maria Federici, Presidente della Cooperativa Sociale Astrolabio; Don Paolo Spaviero, docente dell’Istituto Teologico ‘Leoniano’ di Anagni; la dott.ssa Irene Notarfonso, Consigliere dell’Ordine degli Assistenti Sociali del Lazio; l’avv. Pasquale Lattari, Responsabile del Settore Legale del Consultorio familiare diocesano di Latina; la dott.ssa Elena Merluzzi, Assistente sociale del Servizio Sociale Professionale del Comune di Cori. Il Dirigente dell’Istituto Comprensivo Statale ‘Cesare Chiominto’, il dott. Luigi Fabozzi, ha ritirato la targa e la telecamera digitale consegnata al ‘Chiominto’ come segno di riconoscimento per la collaborazione e partecipazione dello scorso anno alle attività educative e didattiche distrettuali del progetto ‘Spazio Affido’.  Gli studenti, che hanno realizzato i lavori artistici, hanno ricevuto una pen drive.

L’affidamento familiare è un intervento di protezione del minore e di aiuto alla famiglia d’origine tramite l’accoglienza temporanea in un’altra che ne assicura il mantenimento, l’educazione, l’istruzione e le relazioni affettive in attesa che l’originaria superi le difficoltà e sia nuovamente in grado di accoglierlo. Possono offrire la propria disponibilità: famiglie, coppie, singoli. Non sono previsti limiti di età. In base alle differenti esigenze del minore e alla specifica situazione di disagio della famiglia di origine, l’affidamento può essere a tempo pieno o “residenziale” (il minore vive in maniera continuativa presso la famiglia affidataria per un periodo massimo di 24 mesi) oppure a tempo parziale o “diurno” (il minore trascorre presso la famiglia affidataria il giorno o parte di esso, ma alla sera torna a casa dai suoi genitori).

Tra gli obiettivi principali di ‘Spazio Affido’ c’è la promozione della cultura dell’affido familiare e la formazione dei soggetti a vario titolo coinvolti. A tal fine nelle prossime settimane si inizieranno una serie di macro azioni, a cominciare dal percorso di sostegno/aggiornamento professionale rivolto alle/agli insegnanti con la finalità di approfondire tematiche relative ai bambini in affido familiare accolti a scuola e due percorsi formativi rivolti alle sia famiglie affidatarie che a quelle aspiranti. A seguire verranno costituiti gruppi di parola e confidenza per i bambini e i ragazzi adolescenti in affido. Il progetto si concluderà con una rappresentazione teatrale sull’affidamento familiare e la premiazione logo testimonial che meglio graficamente descrive il senso dell’affido, realizzato dai ragazzi delle scuole che hanno aderito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Spazio affido", presentato il nuovo progetto a Cori

LatinaToday è in caricamento