rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Il caso / Sperlonga

Il caso del cantante neomelodico a Sperlonga all'attenzione del ministro dell'Interno

La lettera del deputato pontino Raffaele Trano al ministro. La vicenda riguarda il concerto di Rosario Miraggio, poi annullato per le polemiche

Il deputato pontino Raffaele Trano scrive al ministro degli interni segnalando l'ultimo caso che riguarda il Comune di Sperlonga, dove l'amministrazione aveva in programma di invitare il 2 settembre un cantante neomelodico considerato vicino a un boss di camorra. Il concerto è stato poi effettivamente annullato, come annunciato dallo stesso cantante partenopeo attraverso i suoi canali social.

Il deputato Trano, nella missiva indirizzata al ministro aveva riportato "'ultima trovata del Comune di Sperlonga che ha in programma di ospitare il 2 settembre il cantante neomelodico Rosario Miraggio, balzato agli onori della cronaca per avere dedicato una canzone a Nicola Carfora in arte “Nicola ’o fuoco” , boss sanguinario stabiese condannato all'ergastolo per l'omicidio dell'imprenditore caseario Michele Cavaliere, che non volle pagare il pizzo degli estorsori del clan comandato da Carfora". "Chiedo pertanto - era l'appello di Trano - un vostro tempestivo intervento per porre un diniego nei confronti di questa manifestazione, così da evitare che in piazza a Sperlonga il cantante Rosario Miraggio si esibisca, casomai proprio intonando "Io canto a te" che dedicò al sanguinario camorrista. Lo si deve fare per onorare la memoria di Michele Cavaliere, che si era opposto alle richieste estorsive e aveva deciso di denunciare il clan che imponeva il racket a decine di commercianti, lo si deve ad un eroe, suo malgrado, ma anche a tutti i cittadini onesti di questo territorio che non meritano di subire un clima di prevaricazione e oppressione mafiosa. Con l’occasione esprimo anche il mio rammarico per la mancata concretizzazione dell’incontro personale che avevo richiesto. Avrei voluto esporLe, come anticipato dalla mia segreteria per le vie brevi, la grave situazione che si è creata a Formia dopo il tentato omicidio di Gustavo Bardellino e spero ancora, prima del termine della XVIIIa legislatura, di avere con Lei un confronto costruttivo. Glielo chiedo, signor Ministro, non per visibilità o beghe legate alla competizione elettorale del 25 settembre 2022, a cui non prenderò parte, ma ai fini di dare esecuzione al mandato conferitomi dagli elettori del collegio Lazio 2 il 3 marzo del 2018".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caso del cantante neomelodico a Sperlonga all'attenzione del ministro dell'Interno

LatinaToday è in caricamento