“Sperlonga”, un videoclip dedicato allo splendido borgo della provincia pontina

Il videoclip del compositore e chitarrista Damiano La Rocca tratto dall'album "Le Mezze Stagioni", è dedicato al poeta sperlongano "Don" Leone Di Vito, nonno dell'autore, e vuole omaggiare il bellissimo borgo pontino

E’ uscito in questi giorni "Sperlonga", il videoclip del compositore e chitarrista Damiano La Rocca tratto dall’album “Le Mezze Stagioni” pubblicato dall’etichetta tedesca Diventa Music.

Il brano è dedicato al poeta sperlongano “Don” Leone Di Vito, nonno dell’autore, e vuole omaggiare il bellissimo borgo della provincia pontina in cui i ritmi dei sud del mondo si fondono con le bellezze che questa perla del Mediterraneo offre.

Il videoclip, patrocinato dal Comune di Sperlonga, è stato realizzato lo scorso agosto dal giovane regista romano Ludovico Di Martino, con la partecipazione straordinaria del cantautore Virginio Simonelli.

“Jazz, pop e musicalità mediterranea si mescolano nel progetto musicale de “Le Mezze Stagioni” - si legge in una nota -, richiamando nel titolo la celebre espressione popolare ‘non ci sono più le mezze stagioni’, evoca la ricerca di un luogo ideale, di quella ‘mezza stagione’, né troppo calda né troppo fredda, a cui tutti aspiriamo e che conduce necessariamente a una sintesi tra universi apparentemente inconciliabili. In questo album, definito dal DJ e produttore Prince Faster come ‘un disco perfetto’ e ‘un album da avere’, echeggiano sonorità etniche, un fraseggio elettrico tagliente ma mai privo di lirismo in cui la voce umana, utilizzata al pari di uno strumento musicale, ricopre un ruolo da coprotagonista”.

Con Damiano La Rocca (chitarra elettrica e classica), hanno collaborato Chiara Tavolieri (voce), Valeria Gianferro (sax alto, flauto, ewi), Manuela Pasqui (piano), Leonardo De Rose (contrabbasso) e Carlo Montuoro (percussioni).

CHI E’ DAMIANO LA ROCCA - Damiano La Rocca è una promessa del panorama italiano. Nipote del poeta sperlongano “Don Leone Di Vito” è nato e cresciuto artisticamente a Roma, nella borgata di Acilia. E’ un musicista stilisticamente eclettico e con una personalità vulcanica, non solo chitarrista e compositore ma arrangiatore e direttore d’orchestra. Talento fresco, dopo gli anni vissuti a Bruxelles è coraggiosamente tornato in Italia, volendo dedicare tutta l’attenzione alle sue radici e alla musica mediterranea con questo suo primo album che sarà distribuito nei principali store di musica online. Negli anni ha collaborato con Alfredo Santoloci, Massimo Nunzi, Paolo Damiani, Ada Montellanico, Niccolò Fabi, Carmen Consoli, Fabrizio Bosso, Javier Girotto, Maria Pia De Vito, Pilar, Raffaela Siniscalchi, Gabriele Coen, Ettore Fioravanti, Giorgio Cùscito, Piji Siciliani e Diana Tejera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento