Gaeta conquista la Spiga Verde: un altro prestigioso riconoscimento FEE

Soddisfazione espressa dal sindaco Mitrano. La Spiga Verde è un segnale dell’attenzione al territorio, alla qualità della vita, all’ambiente rurale anche quando vengono assegnate a località marittime

Un altro importante riconoscimento in questa estate per la città di Gaeta che, dopo la  Bandiera Blu e la Bandiera Verde conquista anche la Spiga Verde. Se il primo vessillo premia i migliori tratti di mare in base ad una rilevante serie di parametri ambientali ed  il secondo le spiagge a misura di bambino, la Spiga Verde è un segnale dell’attenzione al territorio, alla qualità della vita, all’ambiente rurale anche quando vengono assegnate a località marittime. 

“A stilare la classifica delle migliori spiagge per bambini è un campione di oltre 2.000 pediatri che prendono in considerazione soprattutto l'idoneità ambientale delle spiagge, sia per i bambini che per le loro famiglie - spiega l’Amministrazione di Gaeta -, mentre la Bandiera Blu e quella Verde vengono decise dalla Fee Italia, la sezione italiana della ong danese Foundation for Environmental Education presente in 73 Paesi del mondo. La Bandiera Blu e la Spiga Verde sono accomunate dalla loro natura dinamica. Più che premi sono infatti dei percorsi, protocolli pensati per accompagnare, passo dopo passo, la gestione delle coste e del territorio”. 

Grande soddisfazione per il riconoscimento ottenuto è espressa dal Sindaco Cosmo Mitrano e dall'intera Amministrazione Comunale. "Spighe Verdi - dichiara il Primo Cittadino - rappresenta un efficace strumento di valorizzazione del patrimonio rurale della città, ricco di risorse naturali e culturali, anche in un’ottica di occupazione. Siamo, inoltre, convinti che affinché  il programma raggiunga il massimo del risultato, sia  necessaria non solo la volontà, già dichiarata tra l'altro, dell’Amministrazione Comunale, di operare in tale direzione, ma anche la  partecipazione viva della comunità e delle imprese alla sua realizzazione".

L'importante vessillo è stato consegnato il 12 luglio nella sede romana del ministero dell’Ambiente da Fee Italia e da Confagricoltura. Presente alla cerimonia per il Comune di Gaeta il consigliere comunale Luigi Coscione.

Le Spighe Verdi 

“Come per le Bandiere Blu - prosegue l’Amministrazione -, l’iter è piuttosto serio e segue lo schema Uni-En Iso 9001-2008. Al gruppo di lavoro hanno dato un contributo diversi enti, dai ministeri competenti (Ambiente, Agricoltura, Cultura) al comando Unità tutela forestale, ambientale e agroalimentare dei Carabinieri fino all’Ispra e al Cnr. Per portare i Comuni rurali alla graduale adozione dello schema Spighe Verdi, Fee Italia ha condiviso con Confagricoltura un gruppo di indicatori in grado di fotografare le politiche di gestione del territorio e guidarle verso criteri di massima sostenibilità. Fra gli indicatori ricordiamo la partecipazione pubblica, l’educazione allo sviluppo sostenibile, il corretto uso del suolo. Ed ancora le produzioni agricole tipiche, la sostenibilità e l’innovazione in agricoltura, la qualità dell’offerta turistica, gli impianti di depurazione, la gestione dei rifiuti e la raccolta differenziata, le aree naturalistiche, l’arredo urbano e l’accessibilità. Il progetto Spighe Verdi parte dal presupposto che agricoltura e sostenibilità siano due realtà indissolubili e che dal loro rapporto dipenderà molto del futuro del nostro territorio”. 

Quest’anno le “Spighe”  sono andate a 27 comuni, da Giulianova a Gaeta passando per Lavagna, Ragusa, Numana, Ostuni o Montefalco. Undici le regioni coinvolte dai riconoscimenti, due in più rispetto alla precedente edizione (Lazio, con due Spighe Verdi Canale Monterano e Gaeta, e Abruzzo) mentre Marche, Toscana e Campania sono le tre con il maggior numero di Spighe Verdi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Coronavirus Latina, nuovo picco di contagi: altri 30 positivi in provincia

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento