Cronaca

Strada allagata: dopo settimane di disagi a Formia torna la normalità

La denuncia del consigliere comunale Alessia Valeriano: "Non è pensabile che dopo che i cittadini pagano bollette salatissime debbano attendere oltre 15 giorni per una riparazione"

Via Madonna del Cerquito allagata

Dopo oltre due settimane e numerose segnalazioni anche da parte dei residenti, finalmente è tornata la normalità in via Madonna del Cerquito, in località Ponzanello Mamurrano a Formia.

A sollevare il problema sulla strada allagata da giorni, a causa di un guasto alla condotta che ha portato ad una copiosa perdita d’acqua, è stato nella mattinata di ieri il consigliere comunale Alessia Valeriano il quale aveva puntato il dito contro Acqualatina, colpevole di gravi ritardi nell’intervenire per ripristinare la funzionalità della condotta.

Nel pomeriggio, però, la situazione sembra essere stata risolta. Ma andiamo con ordine.

Nella nota diffusa ieri mattina, Valeriano spiegava come dopo oltre due settimana dall’insorgere del problema via Madonna del Cerquito era ancora allagata. “Nonostante le innumerevoli segnalazioni dei cittadini residenti – aveva spiegato il consigliere -, il gestore non è ancora intervenuto a ripristinare la funzionalità della condotta, né tantomeno a mettere in sicurezza la porzione di strada danneggiata. Ogni giorno che passa, peggiorano le condizioni del manto stradale ed è evidente, ormai, come la perdita d’acqua stia svuotando la strada da sotto, con il pericolo di cedimenti”. E, continuava il consigliere della lista “Ripartiamo insieme”, “sono cadute miseramente nel vuoto le rassicurazioni sull’efficienza del servizio”.

Perché secondo Valeriano in ballo c’era anche una questione di sicurezza. “Via Cerquito, come tutte le strade periferiche, la notte non è illuminata in ogni suo tratto. Il cedimento del manto stradale e lo strato d’acqua prodotto dalla perdita, rappresentano un’insidia per gli utenti della strada. Tale situazione non può più essere tollerata. Il servizio idrico è per l’individuo una primaria necessità”.

E nel pomeriggio la situazione è stata risolta. “Chissà se è un caso o se è la mia presa di posizione che ha portato alla soluzione del problema – ha commentato Valeriano -. Sta di fatto che per tamponare la falla ci sono volute più di due settimane”.

“Poche ore e sono spuntati gli operai. Il problema è stato risolto, come avevo chiesto. Ma ci sono volute oltre due settimane e innumerevoli segnalazioni lanciate dai cittadini residenti. Non è pensabile – conclude il consigliere Valeriano – che ai giorni nostri e dopo che i cittadini hanno pagato bollette salatissime, si debbano attendere oltre 15 giorni per ricevere una riparazione, mentre il numero verde da me contattato restringeva i tempi di intervento all’arco di pochi giorni. Così non va bene. Se, con l’acqua che deteriorava il manto stradale, si fosse verificato un incidente e qualcuno ci avesse rimesso la vita? Di chi sarebbe stata la colpa?”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada allagata: dopo settimane di disagi a Formia torna la normalità

LatinaToday è in caricamento