Studio dentistico abusivo sequestrato ad Itri. Professionista 50enne denunciato

L'operazione nell'ambito dell'attività di contrasto all'economia sommersa da parte della guardia di finanza che ha appurato l'assenza delle prescritte autorizzazioni e l'esercizio dell'attività professionale in evasione d'imposta

Uno studio dentistico abusivo sequestrato e un profesionista denunciato. L’operazione della guardia di finanza ad Itri nell’ambito dell’attività di contrasto all’economia sommersa, hanno individuato e sottoposto a sequestro uno studio medico dentistico a Itri privo delle prescritte autorizzazioni previste dalla legge nello specifico settore.

Protagonista della vicenda un 50enne medico odontoiatra di Itri. L’attività delle fiamme gialle del gruppo di Formia, infatti, ha consentito di appurare l’assenza delle prescritte autorizzazioni e l’esercizio dell’attività professionale in evasione d’imposta, giacchè sconosciuta al fisco, ma ben nota agli abituali clienti i quali, ignari delle carenze autorizzative, si affidavano al professionista, atteso anche i prezzi praticati, fortemente concorrenziali.

L’intervento dei militari ha fatto così seguito a pregressi accertamenti di natura fiscale; appurata l’assenza di qualsivoglia autorizzazione, sono stati così sequestrati due locali adibiti a sale odontoiatriche con relativa strumentazione professionale, apparati radiografici, autoclave, sterilizzatrice, imbustatrice, attrezzature per ortodonzia, ivi compresi i farmaci appositamente preparati, per un valore complessivo di circa 300 mila euro.

sequestro_studio_dentistico_itri_1

“Tale attività di contrasto al sommerso d’azienda - spiegano dalla guardia di finanza -, nell’ambito delle funzioni di polizia economico-finanziaria del corpo è mirata sia ai profili strettamente connessi al recupero dei tributi sottratti al bilancio dello Stato, ma anche ad arginare la diffusione dell’illegalità e dell’abusivismo nel sistema economico, a tutela delle attività e dei professionisti che operano nella piena e completa osservanza della legge e le cui prospettive di sviluppo sul mercato sono seriamente compromesse da chi svolge attività in “nero” ed abusiva”.

Sono tuttora in corso approfondimenti al fine di quantificare gli incassi conseguiti nel tempo dal professionista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento