Formia, liquami sulla spiaggia: le precisazioni di Acqualatina

Nei giorni scorsi il sindaco Sandro Bartolomeo aveva scritto ad Acqualatina che ora replica. I fatti nella serata dello scorso 6 agosto quando ci fu uno sversamento di liquami sulla spiaggia di Acquatraversa

Il caso era scoppiato nei giorni scorsi a causa dello sversamento di liquami sulla spiaggia di Acquatraversa a Formia. Nella giornata di lunedì il sindaco Bartolomeo aveva annunciato di aver scritto ad Acqualatina per avere alcuni chiarimenti in merito, e oggi, la società che gestisce il servizio idrico ha deciso di intervenire per fare alcune precisazioni.

Innanzitutto, in una nota Acqualatina spiega che “il guasto è stato causato da un’improvvisa interruzione dell’energia elettrica da parte di Enel che, peraltro, non è stata mai ufficialmente comunicata ad Acqualatina S.p.A. L’acquisizione dell’informazione, infatti, è avvenuta solo per via telefonica tra funzionari Acqualatina S.p.A. e funzionari Enel, a seguito del riscontro di diverse avvisaglie di malfunzionamenti in alcuni impianti di sollevamento, dovuti a continui sbalzi di tensione, così come segnalato dai sistemi di telecontrollo posti a servizio delle stazioni Acqualatina S.p.A.

Le aree interessate dai disservizi elettrici – continua la nota - non sono state definite con precisione, da Enel, perciò Acqualatina S.p.A. ha dovuto mettere in azione diverse squadre di Pronto Intervento, già dalla sera del 6 agosto, al fine di verificare l’entità e la natura del problema, nelle aree ritenute interessate dai disservizi, e comunicare, prontamente, lo stato dei fatti a tutte le Autorità competenti, come il Comune di Formia, l’Asl, L’Arpa”.

Inoltre, continua la società, “nella mattinata del 7 agosto i tecnici del Gestore, dopo aver comunicato lo stato dei fatti a un tecnico comunale, presente in loco, e dopo aver contattato telefonicamente sia l’Enel, per sincerarsi del totale ripristino del servizio, sia l’Arpa Lazio, per comunicare il rientro dell’emergenza, hanno provveduto a pianificare le opere di bonifica e ad inviare una nuova nota informativa a tutte le Autorità interessate. Nonostante il continuo controllo degli impianti da parte dei tecnici Acqualatina S.p.A., sia durante i disservizi, che subito dopo, non è stato possibile evitare una lieve fuoriuscita di liquami, da un impianto, per un breve lasso di tempo. Ciò è stato dovuto al fatto che, in tale stazione, confluiscono, nel periodo estivo, anche le acque bianche naturalmente sorgive che, in mancanza di un’adeguata e propria rete di raccolta, vengono immesse nell’impianto e pompate direttamente al depuratore. In caso contrario, queste verrebbero sversate, con continuità, sulla spiaggia, con conseguenti disagi e danni ambientali. Tale situazione,però, ha gravato sul blocco elettrico dell’impianto di sollevamento e, nei fatti, ha accelerato il riempimento della vasca di accumulo, con inevitabile sversamento di acque”.

“Acqualatina S.p.A., dal canto suo, ha già avviato un piano di ammodernamento delle stazioni di sollevamento, sulla base di quanto stabilito nel Piano degli Investimenti approvato dalla Conferenza dei Sindaci. Tali investimenti – conclude la nota - hanno già permesso l’installazione di impianti di telecontrollo su tutte le stazioni di sollevamento attive, ivi inclusa quella in oggetto e, al momento, sono in atto lavori per l’installazione di gruppi elettrogeni che, come ovvio, seguono una priorità dettata dalle criticità dei singoli impianti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento