Tagli ai tribunali, in bilico Gaeta e Terracina: scioperano gli avvocati

Incroceranno le braccia contro la "nuova geografia giudiziaria" che prevede la soppressione delle due sedi distaccate e l'accorpamento di Gaeta a Cassino. Lo sciopero fino al 16 ottobre

Sciopereranno per una settimana. Gli avvocati pontini sono sul piede di guerra e incroceranno le braccia a partire da oggi e fino al prossimo 16 ottobre.

Obiettivo della protesta contrastare le decisioni del Governo circa la nuova “geografia giudiziaria” con tagli e soppressioni alle sedi distaccate dei tribunali.

Nella provincia pontina sono in bilico i due siti di Terracina e Gaeta con quest’ultimo che rischia di essere accorpato con quello di Cassino.

Malcontento che nei mesi scorsi è stato anche palesemente dimostrato dai sindaci delle due città interessate, Nicola Procaccini e Cosmo Mitrano, come anche dal primo cittadino di Latina, Giovanni Di Giorgi, il quale ha anche proposto di fare ricorso contro quanto deciso dal Governo.

Nei giorni scorsi il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Latina ha anche scritto al ministro della Giustizia Paola Severino per denunciare la particolare situazione della provincia pontina e per mettere in evidenza come le decisioni prese dal Governo “per quanto espressamente ci riguarda, non sono funzionali all’efficienza giudiziaria, impoveriscono irrimediabilmente la dotazione di infrastrutture del nostro territorio, indeboliscono le azioni di contrasto dei tentativi di infiltrazione della malavita organizzata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento