Cronaca

Rifiuti: costo del servizio in calo a Latina, tra le migliori città

Tassa sui rifiuti in calo del 17%; l'assessore all'Ambiente Cirilli commenta di i dati di Cittadinanzattiva: "Dimostrazione che alla fine esiste anche una politica dei fatti e non solo delle parole"

Una riduzione della tassa sui rifiuti del 21% dal 2077 al 2012 e del 17% ne2012, con una spesa media del cittadino che per lo scorso anno era di 221 euro (nel 2011 era di 265 euro e nel 207 di 279 euro). Non solo, ma la differenziata – stando ai dati del 2011 in riferimento al 2010 – è arrivata al 30,8% con un aumento dell’1,3%.

Sono questi i dati che riguardano Latina  - in controtendenza con il resto del Paese - emersi dall’indagine di Cittadinanzattiva e diffusi nei giorni scorsi. Numeri commentati dall’assessore all’Ambiente del capoluogo pontino, Fabrizio Cirilli che li definisce come la “dimostrazione che alla fine esiste anche una politica dei fatti e non solo delle parole”.

“Nell’ambito della raccolta dei rifiuti abbiamo ereditato una situazione, a detta dello stesso Commissario Prefettizio, subentrato al tracollo di Zaccheo, “disastrosa e impossibile da gestire - ha continuato Cirilli -. Un Piano Economico e finanziario della Latina Ambiente impazzito e completamente fuori controllo, un incrocio di contenziosi tra Latina Ambiente e Comune, tra Latina Ambiente e fornitori e sub appaltatori, difficile anche da ricognire; un conferimento dei rifiuti in discarica fuori legge e soggetto a sanzione della Commissione europea; un meccanismo di bollettazione sbagliato e bloccato dal soggetto gestore; un lavoro difficile, quasi impossibile ma lo scenario attuale seppur ancora critico sotto molto aspetti, ci gratifica sul lavoro svolto sino ad oggi”.

“Siamo stati tra i primi comuni – ribadisce l’assessore all’Ambiente - non solo a metterci in regola sullo smaltimento, legato al pretrattamento dei rifiuti ma a lanciare l’allarme prima e a denunciare poi la problematica che ha visto scoppiare prima il caso Roma e poi lo scellerato Decreto Clini. Oggi il dato emerso dall’Osservatorio di “Cittadinanza Attiva”, ci conferma che ciò che affermavamo quando sottolineavamo di aver ridotto i costi tra l’altro in un momento in cui i costi in tutta Italia raddoppiavano senza aver toccato i servizi e i livelli occupazionali era verità”.

Ma tralasciando i numeri e guardando la realtà attuale del capoluogo pontino, Cirilli è consapevole “che i problemi da affrontare rispetto alla situazione ereditata sono ancora moltissimi, in primis la definizione della diligence sul bilancio della Latina Ambiente attraverso “l’operazione trasparenza” messa in campo in seno del C.d.A dell’Azienda che è in dirittura d’arrivo. Sappiamo anche delle criticità del servizio pulizia della città che stiamo, con l’Azienda, cercando di migliorare attraverso la messa in campo di nuovi progetti che troveranno compimento entro quest’anno:
1) l’ampliamento della differenziata con il porta a porta nei quartieri Q4 / Q5 e la raccolta per quartieri degli ingombranti;
2) la pulizia straordinaria e la sistemazione della stazioni di conferimento attraverso le cooperative sociali;
3) l’attivazione dell’attività sanzionatoria per chi non rispetta le regole;
4) la messa in campo di progetti educativi ed informativi sullo smaltimento dei rifiuti.
Ma sappiamo anche che - chiosa l'assessore all'Ambiente -, nel difficile compito che ci siamo imposti di affrontare e risolvere, questi dati, che vedono Latina ridurre del 17% quando il resto dell’Italia gli aumenti medi sono del 2,8%, ci incoraggiano nel proseguire sulla strada intrapresa”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti: costo del servizio in calo a Latina, tra le migliori città

LatinaToday è in caricamento