menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta di rubare la borsa alla ex moglie in strada e la picchia: arrestato con due complici

I fatti in pieno centro a Latina; l’azione dell’uomo dopo che la donna, che l’estate scorsa lo aveva anche denunciato per i suoi comportamenti violenti, si è rifiutata di dargli del denaro

Un uomo di 48 anni di origini nigeriane è stato arrestato questa mattina insieme ad altri due connazionali di 23 e 26 anni, per aver tentato di rapinare l'ex moglie percuotendola con particolare violenza per vincerne la resistenza. Sono stati gli accertamenti condotti dalla polizia a far emergere il reale quadro della situazione figlio di un contesto molto più complesso di come poteva apparire inizialmente quando la polizia è intervenuta dopo uan segnalazione.

Sono state le immediate indagini, infatti, a rivelare che il 48enne era stato sposato con la donna, una 30enne anche lei digrigni nigeriane, dalla quale era tuttavia in fase di separazione. Infatti già dalla scorsa estate la donna, stanca del comportamento violento del coniuge, lo aveva denunciato in Questura e si era quindi rivolta ad un centro antiviolenza che le aveva assicurato un alloggio protetto, in attesa di definire la separazione.

Questa mattina, però, l’uomo l’ha rintracciato in strada, nei pressi di via Dandolo a Latina, e le aveva chiesto del denaro. Al suo rifiuto, l’aveva allora afferrata con forza e scaraventata con violenza contro il muro di un condominio tentando al contempo di strapparle la borsetta. La donna ha opposto una forte resistenza, iniziando anche ad urlare chiedendo aiuto; è a questo punto che sono intervenuti anche i due amici dell’uomo, strattonando anch’essi la 30enne nel tentativo di vincerne la resistenza ed impossessarsi della borsa.

Le urla della donna hanno però sortito l’effetto sperato: alcuni abitanti del condominio hanno infatti allertato il 113 con gli uomini della Volante che in poco tempo sono giunti sul posto sorprendendo gli aggressori ancora in azione.

I tre malviventi sono stati condotti in stato d’arresto presso la Questura dove il quadro completo della vicenda ha assunto i suoi contorni definitivi quando la donna ha formalizzato la denuncia grazie all’ausilio di un interprete. Informato, il pubblico ministero di turno ha disposto l’associazione dei tre presso una casa circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre per l’ex marito della donna è stato anche denunciato per il reato di maltrattamenti in famiglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento