rotate-mobile
Cronaca Terracina

Litiga con la figlia e si allontana con l’intento di togliersi la vita: trovata in un burrone

Le ricerche della 63enne condotte a Sezze dai carabinieri insieme ai vigili del fuoco e alla protezione civile. La donna tratta in salvo è stata portata in ospedale

Dopo aver litigato con la figlia si è allontanata con l’intento di togliersi la vita: una donna di 63 anni è stata salvata a Sezze grazie all’attività congiunta di carabinieri, vigili del fuoco e protezione civile che l’hanno trovata in un burrone. 

I fatti sono accaduti nella serata di ieri, mercoledì 22 maggio, nel centro lepino. Secondo quanto ricostruito dai militari, la donna di origini romene di 63 anni aveva litigato per futili motivi con la figlia di 42 anni quando si è allontanata dall’abitazione di quest’ultima con l’intento di togliersi la vota. 

Scattato l’allarme al 112 subito è stata attivata una vera e propria task force che ha visto collaborare i carabinieri della locale Stazione con i vigili del fuoco e la protezione civile. Subito attivate, le ricerche hanno permesso di rintracciare la donna in un burrone a una profondità di circa 30 metri in località Anfiteatro . 

Trovata in stato confusionale la 63enne è stata soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata in ambulanza presso l’ospedale Santa Maria Goretti di Latina. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litiga con la figlia e si allontana con l’intento di togliersi la vita: trovata in un burrone

LatinaToday è in caricamento