Terracina, scatta l’operazione “spiagge libere”: sequestrati lettini ed ombrelloni

L’attività a Porto Badino della Guardia Costiera che ha liberato migliaia di metri di arenile pubblico occupato abusivamente

Operazione “spiagge libere” a Terracina da parte della Guardia Costiera che ha liberato migliaia di metri di arenile pubblico da lettini, ombrelloni e tavole da surf. 

L’attività è scattata all’alba di ieri, martedì 13 agosto, a Porto Badino e si è conclusa con il sequestro delle attrezzature da spiaggia lasciate abusivamente sul litorale, anche incatenate tra di loro per “occupare” l’arenile che, ricordano alla Capitaneria di Porto, “nelle aree destinate a tale scopo, deve restare un bene a libera fruizione di  tutti i cittadini e non deve essere prepotentemente occupato”.

L’attività, è parte integrante dell’operazione estiva “Mare Sicuro” che vede la Guardia Costiera impegnata nella vigilanza a mare ai fini della sicurezza della navigazione e della balneazione. In vista del lungo ponte di Ferragosto i controlli verranno rafforzati sia in mare che a terra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

Torna su
LatinaToday è in caricamento