Terracina, scatta l’operazione “spiagge libere”: sequestrati lettini ed ombrelloni

L’attività a Porto Badino della Guardia Costiera che ha liberato migliaia di metri di arenile pubblico occupato abusivamente

Operazione “spiagge libere” a Terracina da parte della Guardia Costiera che ha liberato migliaia di metri di arenile pubblico da lettini, ombrelloni e tavole da surf. 

L’attività è scattata all’alba di ieri, martedì 13 agosto, a Porto Badino e si è conclusa con il sequestro delle attrezzature da spiaggia lasciate abusivamente sul litorale, anche incatenate tra di loro per “occupare” l’arenile che, ricordano alla Capitaneria di Porto, “nelle aree destinate a tale scopo, deve restare un bene a libera fruizione di  tutti i cittadini e non deve essere prepotentemente occupato”.

L’attività, è parte integrante dell’operazione estiva “Mare Sicuro” che vede la Guardia Costiera impegnata nella vigilanza a mare ai fini della sicurezza della navigazione e della balneazione. In vista del lungo ponte di Ferragosto i controlli verranno rafforzati sia in mare che a terra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento