Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Rifiuti abbandonati in strada, controlli e videosorveglianza a Terracina: 25 le sanzioni

In totale sono stati 150 i controlli effettuati dalla polizia locale. Assessore Zappone: “L’abbandono dei rifiuti non è solo un odioso malcostume, ma un vero e proprio reato commesso nei confronti della comunità”

Pugno duro dell’Amministrazione comunale a Terracina contro l’abbandono dei rifiuti in strada. Da alcune settimane il comandante della Polizia Locale Mauro Renzi, in coordinamento con l’Assessorato all’Ambiente, ha destinato due pattuglie di agenti, in divisa e in borghese, all’azione di contrasto nei confronti dell’abbandono dei rifiuti e per il controllo di un corretto conferimento sia da parte delle attività commerciali, sia da parte dei privati.

“L’attività di controllo – dichiara il Comandante - sul mantenimento del decoro e della pulizia della città è stata intensificata. Oltre alla pattuglia, ci sono 7 nuove telecamere mobili per la videosorveglianza dislocate nei punti più critici e il supporto dei volontari degli Ausiliari Ambientali. I primi risultati di questa azione riferiscono di oltre 150 controlli effettuati e più di 25 sanzioni elevate. Si tratta di un’azione molto serrata che comincia a dare i frutti sperati. Proseguiremo confidando nella collaborazione di tutti per il bene della comunità”. 

“Desidero ringraziare – afferma l’assessore all’Ambiente Emanuela Zappone – il comandante Renzi, il personale della Polizia Locale e gli Ausiliari Ambientali per l’impegno in questa importantissima attività di contrasto all’abbandono dei rifiuti e al conferimento non corretto degli stessi. Sottolineo che l’abbandono non è semplicemente un odioso malcostume, ma costituisce un vero e proprio reato commesso nei confronti della comunità. Il lavoro della De Vizia Transfer Urbaser è accurato e molto serio. I servizi di raccolta, pulizia e lavaggio di marciapiedi e piazze  sono stati ulteriormente potenziati, ma se poco dopo vengono imbrattati da cartacce, bottiglie e bicchieri i cui liquidi sporcano la pavimentazione la pulizia effettuata viene vanificata. Per mantenere il decoro, quindi, diventa fondamentale non solo rispettare le norme, ma avere la buona educazione e la capacità di comprendere che abbandonare i rifiuti, piccole o grandi quantità che siano, è viltà, oltre che inciviltà.

Non uso mezze parole – prosegue l’assessore – perchè vedo lo sforzo che si compie a Terracina per garantire livelli di servizi adeguati nonostante in queste settimane estive le presenze in città siano triplicate. Ci sono tanti cittadini e turisti perbene che vedono vanificare il proprio impegno e il proprio diritto al decoro dal comportamento dissennato di cittadini e turisti ineducati. Lo stesso discorso vale anche per coloro che conferiscono i rifiuti in maniera non corretta, disordinata e indecorosa”.

“Quello che fa più rabbia – continua Zappone - è che a Terracina ci sono tante possibilità di conferire quotidianamente e periodicamente: due isole ecologiche fisse (Morelle e Borgo Hermada), due automatizzate in funzione 24 ore su 24 (piazza Donatori di Sangue e Borgo Hermada), isole ecologiche itineranti il sabato mattina, ritiro a domicilio degli ingombranti, isola ecologica per lo smaltimento degli olii esausti nei pressi di Villa Tomassini e cestini portarifiuti. Insomma, il grado di inciviltà e di menefreghismo deve essere veramente molto alto per insudiciare la città. Chi si comporta in questo modo pensi per un momento a quale sarà il mondo che lascerà ai propri figli. Grazie – conclude l’assessore – a tutti i cittadini e agli operatori, ognuno per la propria competenza, che assicurano il decoro di Terracina con impegno e amore per la città”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti abbandonati in strada, controlli e videosorveglianza a Terracina: 25 le sanzioni

LatinaToday è in caricamento