Terracina, concerti ed eventi annullati: inadempienze degli organizzatori

L'assessore al Turismo del Comune chiarisce che quanto accaduto non è imputabile all'amministrazione e chiarisce le ragioni dell'accaduto

Concerti e manifestazioni annullate a Terracina, l'ultimo previsto il 29 agosto dei Pink Floyd Legend “The Dark Side of the Moon (e prima ancora i Subsonica). Ora l'assessore al Turismo Barbara Cerilli fa chiarezza sull'accaduto. "Si è trattato - spiega - di eventi per la cui organizzazione le richieste o sono giunte al Comune ben al di sotto dei 30 giorni previsti dal regolamento comunale (in un caso) o erano completamente prive delle certificazioni che gli organizzatori sono tenuti a produrre per consentire la convocazione della commissione Pubblici Spettacoli, un organismo  previsto dalla legge e composto, tra gli altri, dai vigili del fuoco e dalla Asl".

Barbara Cerilli-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Lo svolgimento di questo tipo di manifestazioni – prosegue l’assessore - è rigidamente subordinato al parere della Commissione che è chiamata ad esprimersi sulla sicurezza e che si riunisce quando si è in presenza di eventi che superano presumibilmente le 200 presenze. Tengo a sottolineare che gli uffici comunali e la sottoscritta hanno più volte rappresentato agli organizzatori questa inadempienza senza la quale è impossibile istruire la pratica. Gli annullamenti, quindi, non sono in alcun caso imputabili all’amministrazione comunale che si è trovata nella condizione di considerare irricevibili le istanze. Nel caso del concerto dei Subsonica, previsto per l’8 agosto e poi cancellato, il problema è stato di altra natura, comunque non riconducibile al Comune. Questo mio intervento – conclude Cerilli – ha il preciso scopo di evitare speculazioni di qualunque genere sul mancato svolgimento di manifestazioni sicuramente apprezzabili, ma per la cui realizzazione è necessario rispettare criteri inderogabili che mirano a garantire la sicurezza. L’invito che rivolgiamo a tutti coloro che si propongono di organizzare concerti o altri eventi con grande afflusso di pubblico è quello di presentare le istanze anche molto prima dei 30 giorni previsti al fine di poter garantire la predisposizione di tutte le misure necessarie per tempo e ovviare alle eventuali criticità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus, ancora 124 contagi in provincia e un altro morto. Ottavo decesso in otto giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento