Terracina, prevenzione incendi: tutti i numeri della campagna estiva. Impiegati 100 volontari

Sono stati 21 gli interventi nelle varie zone del territorio e 2.592 ore di servizio complessive

Circa 100 volontari impiegati in turni h24 per 108 giorni consecutivi, pari a 2.592 ore complessive di servizio. Sono i numeri della campagna antincendi estiva messa in campo nel comune di Terracina in vigore dal 15 giugno al 30 settembre scorsi. Un servizio che si è rivelato per il territorio di grande efficacia. Sono stati 21 gli interventi distribuiti tra la zone Le Mole, Frasso e Barchi, a cui hanno collaborato sette associazioni con la Protezione Civile comunale e una telecamera infrarossi a lungo raggio. Dati che testimoniano uno sforzo enorme che ha consentito di proteggere un territorio vasto e complesso. I protagonisti del servizio sono stati gli enti firmatari del Protocollo d’Intesa per le attività antincendio boschivo prevenzione e avvistamento stipulato tra il Comune di Terracina, l’Ente Parco Ausoni e le associazioni Fare Verde, Wwf Litorale Pontino, Legambiente, Racing Bike, Le colline di Santo Stefano, Outdoor Monte Leano, i cacciatori dell’Ambito Territoriale Caccia LT 2 e il Gruppo di Protezione Civile Comunale.

“A nome della comunità di Terracina esprimo la mia profonda gratitudine a tutti i volontari che si sono prodigati in un’opera di prevenzione preziosissima e di portata veramente notevole - commenta l’assessore all’Ambiente Emanuela Zappone -  I numeri sono lì a testimoniare il lavoro svolto che ci ha consentito di preservare il nostro patrimonio boschivo da una forma di criminalità odiosa e gravemente dannosa. Grazie di cuore alle associazioni ambientaliste, sportive, di cacciatori e alla Protezione Civile comunale guidata dal comandante della polizia locale Michele Orlando e coordinata da Silviano Valenti. Ognuno dei volontari di queste organizzazioni ha donato alla comunità un servizio straordinario. Come amministrazione comunale abbiamo messo a frutto, già dalla scorso anno, la dura esperienza del fuoco che mani criminali hanno appiccato per anni sulle nostre colline e montagne. Il primo e fondamentale passo compiuto è stato il Protocollo d’Intesa con le associazioni, affiancato quest’anno dall’ausilio di una telecamera infrarossi a lungo raggio. La combinazione tra l’essenziale fattore umano e tecnologia è risultata decisiva. Dobbiamo essere fieri di questi risultati e puntare a fare ancora meglio. La prevenzione e la collaborazione tra istituzioni e società civile si sono rivelate ancora una volta modelli vincenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Ponza, il 25enne morto è il romano Gianmarco Pozzi. Indagini in corso

  • Coronavirus: 12 nuovi contagi nel Lazio, nessuno tra i residenti pontini. I dati delle Asl

  • Coronavirus: nel Lazio 38 nuovi casi, molti di rientro dalle vacanze. In provincia due positivi

  • Coronavirus, impennata nel Lazio: 38 casi in 24 ore, 22 di importazione. Quattro pazienti in provincia

  • Spaventoso incendio ad Aprilia in un capannone della zona industriale. A fuoco vetro e plastiche

  • Coronavirus Latina: tornano i contagi, due nuovi positivi in provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento