Maxi confisca di beni ai clan rom: l'operazione arriva anche a Terracina

Il provvedimento eseguito dalla Guardia di finanza del comando di Frosinone nei confronti di componenti delle famiglie De Silvio-Spada

Un patrimonio del valore di 1,3 milioni di euro è stato confiscato alle famiglie del clan De Silvio-Spada dalla Guardia di Finanza di Frosinone. Si tratta in particolare di tre ville, 12 veicoli, alcuni dei quali di lusso, e poi conti correnti, unità immobiliari e terreni ubicati nelle città di Frosinone, Ferentino e anche Terracina.

Come riporta Frosinone Today, l'attività è coronamento della precedente operazione "Life Rocking" condotta dagli stessi investigatori nel 2012, quando vennero arrestati i componenti delle due famiglie rom e i loro fiancheggiatori, considerati responsabili di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare crack che vedeva come acquirenti molti giovani della provincia ciociara. Il provvedimento di confisca è stato eseguito dai militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone, a seguito di un'articolata attività investigativa di polizia giudiziaria coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma e a conclusione di accertamenti sotto il profilo economico-finanziario, eseguendo un provvedimento del Tribunale di Frosinone con il quale è stata disposta la confisca dei beni e di ingenti risorse finanziarie e l'applicazione di sette misure di sicurezza della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, nei confronti di altrettanti esponenti del clan-

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le investigazioni del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria sono state condotte attraverso mirati accertamenti bancari e patrimoniali che hanno permesso di ricostruire l'evoluzione dell'intero patrimonio immobiliare e mobiliare acquisito nel corso dell'ultimo ventennio. Tutte le risorse finanziarie e i beni immobili erano stati già sottoposti a sequestro di prevenzione nel luglio dello scorso anno dalle Fiamme Gialle. Il tribunale di Frosinone, a maggio del 2016, aveva condannato sette componenti delle due famiglie per i reati di traffico e spaccio di droga, riconoscendo per quattro di loro l'associazione a delinquere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento