Terracina, ladri in azione in una villetta sul mare: rubano anche la fede nuziale

Il colpo risale all'11 agosto in pieno giorno. La vittima lancia un appello per riavere la sua fede

Un furto in pieno giorno, la casa a soqquadro, soldi e oggetti preziosi spariti ma fra tutti ne manca uno che più degli altri ha gettato nello sconforto la vittima: la fede nuziale. E' accaduto a Terracina e il furto risale allo scorso 11 agosto, quando la signora Mariangela, dalla provincia di Caserta, aveva raggiunto la villetta di una sua parente per trascorrere una giornata al mare. Appena arrivata, insieme ai figli, lascia valigie e borse in casa per andare subito in spiaggia. Lascia anche la fede e l'anello di fidanzamento in oro bianco per timore di perderli in mare. 

La villetta, una quadrifamiliare che si trova in una zona residenziale, in una traversa del lido muse, resta però vuota solo per 30 minuti, tra le 12 e le 12,30. Al suo ritorno, le è subito chiaro che qualcuno, approfittando della momentanea assenza della famiglia, è entrato in casa per ripulirla. Non ci sono più i soldi nel portafoglio, le valigie sono aperte e i ladri hanno frugato anche tra le cose dei bambini. Non ci sono purtroppo neanche l'anello (una veretta in oro bianco) e la fede con su inciso il nome del marito e la data del matrimonio: "Vincenzo 19.5.2004". 

Arriva quindi la polizia, ma non può far altro che effettuare una constatazione del furto e aprire le indagini. Nel frattempo è la stessa vittima del furto a raccogliere informazioni dai vicini, uno dei quali aveva subito un furto simile nei giorni precedenti. Ma nessuno, anche fra i presenti, sembra aver visto e sentito niente, nonostante fosse pieno giorno. Non c'erano segni di effrazione e i ladri sono riusciti ad entrare all'interno dell'abitazione probabilmente utilizzando una finestra che affaccia sul cortile adiacente o semplicemente spingendo le imposte di legno della villetta, che erano state chiuse prima di uscire. Certo è che ad agire è stato probabilmente qualcuno che conosceva la zona.

Ora Mariangela lancia un appello per tentare di riavere almeno la sua fede. Spera che qualcuno si faccia avanti per aiutarla a ricostruire l'accaduto fornendo magari qualche dettaglio utile alle indagini. "Se qualche estraneo si è appostato in zona - spiega - è impossibile che nessuno lo abbia notato. Mi appello al buon cuore di qualcuno, che magari possa ritrovare questa fede e riconsegnarmela". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Garage a fuoco in via Geminiani: evacuato un palazzo. Intossicati alcuni residenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento