Cronaca Terracina

Villette tra Sabaudia e Terracina affittate a prostitute, le ragazze ascoltate dal giudice

Incidente probatorio nell'inchiesta 'Maitresse' che ha portato in carcere un'insegnante di Frosinone e il marito per sfruttamento della prostituzione

Sono state ascoltate questa mattina dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Giuseppe Molfese due delle ragazze che utilizzavano appartamenti e villette tra Sabaudia e Terracina messi a disposizione da una coppia di Frosinone per prostituirsi.

All’incidente probatorio hanno assistito il legale degli indagati, l’avvocato Nicola Ottaviani, che assiste C. P. 58 anni, insegnante presso un istituto superiore di Frosinone e il marito, G. G. 60enne titolare di un’azienda agricola, colpiti da ordinanza di custodia cautelare il 19 settembre scorso con l’accusa di favoreggiamento della prostituzione nell’ambito dell’operazione ‘Maitresse’ e l’avvocato Alfonso Falcone difensore della terza persona indagata, il 65enne originario di Fondi che secondo gli investigatori oltre a fungere da tassista, faceva da palo per allertare le prostitute in caso di irruzioni della Polizia. 

La prima delle ragazze ascoltate, una 46enne di nazionalità romena, ha spiegato di avere utilizzato una delle abitazioni nel 2015 e di avere pagato l’affitto ai coniugi ma di non sapere cosa sia accaduto negli anni successivi avendo deciso di cambiare vita. La seconda ragazza, originaria delle Maldive, ha spiegato di essere arrivata in Italia all’inizio di quest’anno e di pagare un affitto agli indagati. L’incidente probatorio proseguirà il 22 dicembre prossimo quando saranno ascoltate altre ragazze.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villette tra Sabaudia e Terracina affittate a prostitute, le ragazze ascoltate dal giudice

LatinaToday è in caricamento