Chiede la mascherina al datore di lavoro: licenziato, picchiato e poi gettato in un canale

Una storia drammatica che arriva da Terracina, l'ennesima di sfruttamento del lavoro nelle campagne pontine. Due imprenditori, padre e figlio, destinatari di misure cautelari

Chiedevano al datori di lavoro, titolari di un'azienda agricola di Terracina, di provvedere alla dotazione di dispositivi di protezione individuale per l'emergenza coronavirus. Per tutta risposta, non solo le richieste sono cadute nel vuote, ma i due imprenditori hanno pensato bene di licenziare il lavoratore, minacciandolo e arrivando ad aggredirlo con calci e pugni fino a gettarlo in un canale. L'ennesima, drammatica storia di sfruttamento, per cui sono state emesse due misure cautelari a carico di T.F, 52 anni, ora detenuto ai domiciliari, e T.D., 22 anni, destinatario dell'obbligo di pg.

Cgil e Cisl: "Agro pontino a più alto rischio caporalato"

Padre e figlio sono ritenuti responsabili, in concorso tra loro e a vario titolo, di estorsione, rapina e lesioni personali aggravate, nell’ambito dello sfruttamento di braccianti agricoli stranieri all’interno della loro azienda. Le indagini sono partite dopo l'arrivo al pronto soccorso dell'ospedale di Terracina di un 33enne di origini indiane che aveva ferite al capo riconducibili a un corpo contundente, fratture e lesioni personali in diverse parti del corpo. L'attività investigativa del commissariato di polizia ha permesso di accertare che le lesioni erano riconducibili a un'aggressione dei due uomini. 

Ministro Bellanova: "La salute è un diritto"

Il lavoratore aveva infatti ripetutamente chiesto di poter avere mascherine per lavorare per proteggersi dal covid, ma è stato immediatamente licenziato e quando ha tentato di rivendicare il salario che gli spettava per le giornate già lavorate, è stato minacciato, insultato e percosso e poi buttato in un canale di scolo in aperta campagna. 

Gli investigatori hanno quindi identificato e rintracciato altri braccianti agricoli che lavoravano nella stessa azienda, tutti stranieri, e hanno verificato l'esistenza di un sistematico sfruttamento economico, con condizioni di lavoro difformi alla vigente normativa in materia di sicurezza e sanitaria. I braccianti infatti erano costretti a lavorare anche 12 ore al giorno, tutti i giorni della settimana, senza fruire di alcuna giornata di riposo o festiva e tantomeno di congedi per malattia. La paga oraria era di 4 euro per ogni ora di lavoro senza alcuna maggiorazione per il lavoro prestato nei giorni festivi. Infine, in busta paga veniva contabilizzato solamente un terzo delle giornate effettivamente lavorate.

Nel corso del blitz in azienda nessuno dei braccianti era provvisto dei dispositivi a tutela della normativa di sicurezza e dell’igiene, che sono stati rinvenuti invece all’interno delle abitazioni degli indagati. Gli imprenditori però non avevano ritenuto di distribuire la mascherine ai propri dipendenti.

La Uila Uil pronta a sostenere la vittima

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento