Cronaca

Tentò di uccidere la moglie a coltellate, condannato a sei anni e otto mesi

Teatro della lite sfociata in tragedia la loro abitazione di Borgo Hermada. Lui poi si era accoltellato ferendosi gravemente

E’ stato riconosciuto colpevole di tentato omicidio e condannato a sei anni e otto mesi di carcere Angelo Golino, l’uomo che l’11 settembre dello scorso anno ha accoltellato la moglie e poi si è accoltellato ferendosi gravemente.

Il processo si è celebrato questa mattina davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina Giorgia Castriota con rito abbreviato che consente uno sconto di un terzo della pena.

Golino, 53 anni, assistito dall’avvocato Giamila Dezio, era stato sorpreso con il coltello ancora in mano dagli agenti di polizia intervenuti nell’abitazione dove abitava con la moglie dalla quale si stava separando su richiesta dei vicini. La lite tra i due era degenerata e la donna era a terra sanguinante e con numerose ferite di arma da taglio, 27 in tutto. Lui all’arrivo dei poliziotti ha utilizzato l’arma contro sé stesso ferendosi gravemente tanto che si era reso necessario trasportarlo presso un ospedale di Roma dove è stato poi sottoposto ad un intervento chirurgico.

Questa mattina in udienza l’accusa ha chiesto una condanna a dieci anni di carcere ma il gip, a conclusione della camera di consiglio, lo ha condannato a sei anni e otto mesi di reclusione. La moglie si è costituita parte civile con l’avvocato Luana Sciamanna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentò di uccidere la moglie a coltellate, condannato a sei anni e otto mesi

LatinaToday è in caricamento