menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta di uccidere la moglie poi si accoltella: lei si salva, lui è in fin di vita

E' accaduto a Borgo Hermada: la donna salvata dall'intervento di un vicino, l'uomo alla vista degli agenti di polizia ha tentato di suicidarsi. L'uomo è in stato d’arresto piantonato in ospedale

Ha tentato di uccidere la moglie dalla quale si stava separando ma con la quale viveva ancora poi all’arrivo della polizia si è accoltellato ferendosi gravemente.

E’ accaduto a Borgo Hermada, a Terracina dove il personale del Commissariato, in seguito ad una richiesta pervenuta al 11, è intervenuto presso un’abitazione ove era stata segnalata una violenta lite in famiglia. Gli agenti, indirizzati dai vicini di casa, sono entrati nell’appartamento dal quale arrivavano le grida di aiuto della donna e l’hanno vista a terra e sanguinante, con diverse ferite da arma da taglio. Su indicazione di un vicino veniva indicata la presenza del convivente che si trovava ancora all’interno dell’appartamento e brandiva un coltello di grandi dimensioni mentre la figlia maggiorenne della coppia, anch’essa in casa, si era rinchiusa in una stanza.

L’uomo, dopo aver tentato di uccidere la coniuge ha rivolto l’arma contro sé stesso con violenza infliggendosi alcuni colpi all’addome e al collo. Ed è stato lui ad avere la peggio: ha infatti riportato gravissime ferite per le quali si è reso necessario il trasporto con eliambulanza presso un ospedale di Roma per essere sottoposto a delicato intervento chirurgico. La donna, salva grazie anche all’intervento di un vicino che era accorso sentendo le grida di aiuto trovando il suo aggressore mentre le infliggeva ripetute coltellate, è stata invece trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale “Fiorini” di Terracina  e fortunatamente non si trova in pericolo di vita.

All’interno dell’abitazione la polizia giudiziaria e la scientifica hanno rinvenuto, e poi sequesttrato, il coltello utilizzato; repertati anche indumenti ed oggetti imbrattati di sangue che sono a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. L’uomo, 53enne di origini campane, è in stato d’arresto piantonato in ospedale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento