Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Terremoti, nulla osta sismico: ora la svolta sta nell’informatica

Grande successo per il convegno organizzato dall’Ordine degli Ingegneri e dall’Ordine degli Architetti di Latina sul tema dello snellimento delle procedure in materia di prevenzione del rischio sismico

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Grazie al sistema informatizzato per la richiesta del nulla osta sismico, sarà possibile d’ora in avanti verificare costantemente l’efficienza della pubblica amministrazione, controllando quanto veloci ed efficaci siano le risposte degli uffici regionali alle pratiche presentate da tecnici e professionisti, nell’ottica del rispetto del principio della trasparenza”.

Questa la sfida lanciata dall’Assessore Regionale Lavori Pubblici Luca Malcotti alla folta platea del convegno organizzato dall’Ordine degli Ingegneri e dall’Ordine degli Architetti di Latina sul tema dello snellimento delle procedure in materia di prevenzione del rischio sismico. L’incontro, che si è svolto il 29 ottobre presso la Sala Conferenze della Curia Vescovile, ha visto la partecipazione dei presidenti dei rispettivi Ordini Fabrizio Ferracci e Remigio Coco, dell’assessore ai Lavori Pubblici della Regione Lazio Luca Malcotti, dell'architetto Luciano Manfredi, Direttore Regionale Infrastrutture, e dell'Ingegner Filippo Milazzo, Dirigente del Genio Civile di Latina.

Dal primo gennaio 2013 le richieste di autorizzazione sismica potranno essere consegnate esclusivamente tramite procedura informatica, attraverso il “Sistema informatico trasparenza autorizzazioni sismiche - S.I.T.A.S.”, il cui obiettivo è la semplificazione e l'ottimizzazione dell'iter procedurale attraverso l’eliminazione della documentazione cartacea e l'automazione dei processi lavorativi (distribuzione del carico di lavoro fra gli operatori, verifica in tempo reale delle fasi di lavorazione, riduzione degli errori, riduzione dei costi di gestione).

“Abbiamo partecipato attivamente alla realizzazione di questo importante strumento che si inserisce nel nuovo regolamento regionale sui rischi sismici – spiega Fabrizio Ferracci, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Latina –. In quest’ottica abbiamo presentato, insieme ai colleghi delle altre province, un documento che suggeriva alcune modifiche al regolamento stesso, confrontandoci con la Regione punto per punto. Oggi – continua il presidente Ferracci – spieghiamo le caratteristiche e i vantaggi di questo sistema informatizzato: una sala così piena dimostra che questo era un incontro molto atteso”.

“Il Sitas – sottolinea ancora Ferracci – garantirà lo snellimento delle procedure in materia di prevenzione del rischio sismico, consentendo inoltre ai professionisti l’ulteriore vantaggio di poter controllare e monitorare costantemente l’iter della pratica nei propri studi attraverso il computer”.

“Questo progetto – aggiunge l’assessore Malcotti – è stato fortemente voluto dal nostro assessorato e realizzato in sinergia con gli Ordini professionali e con i soggetti interessati. Il Sistema è stato migliorato, nel corso di questi mesi, grazie al contributo di tutti ed è ancora perfezionabile  approfittando di questa fase di transizione prima della sua obbligatorietà nel 2013”.

Tale procedimento prevede infatti una serie di adempimenti di carattere informatico che rappresentano l'unico sistema con il quale si consentirà il regolare svolgimento della pratica. Una procedura che punta a facilitare il lavoro dei tecnici con lo snellimento del procedimento burocratico che potrà avvenire per via telematica senza invio di materiale cartaceo, con evidenti vantaggi anche per i committenti e i tecnici del Genio Civile.

Anche l’Ingegner Filippo Milazzo, dirigente del Genio Civile di Latina, ha sottolineato l’importanza di questo strumento: “Una vera rivoluzione – dichiara – che consentirà di snellire la trafila burocratica, permettendo un risparmio di tempo e denaro”.

Il presidente dell’Ordine degli Architetti di Latina Remio Coco ha auspicato la creazione di un tavolo permanente tra gli Ordini professionali e la Regione per definire e ottimizzare le procedure nel campo della prevenzione sismica”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoti, nulla osta sismico: ora la svolta sta nell’informatica

LatinaToday è in caricamento