Terremoto nel centro Italia, sindaco di Rocca Massima ad Accumoli e Amatrice

Il primo cittadino Tomei con una delegazione dell'Anci Lazio hanno consegnato ai sindaci Petrucci e Pirozzi una prima parte del contributo di solidarietà per la rinascita dei due centri del reatino colpiti dal sisma del 24 agosto

C’era anche il sindaco di Rocca Massima, Angelo Tomei, tra i rappresentanti della delegazione dell’Anci Lazio che venerdì scorso si è recata nei comuni terremotati di Amatrice e Accumoli per la consegna della prima parte del contributo di solidarietà per i due comuni devastatai dal terremoto del 24 agosto.

A capo della delegazione dell’Anci Lazio il presidente e sindaco di Velletri Fausto Servadio. I comuni proprio di Rocca Massima, Velletri, insieme a Monte Porzio Catone e Petrella Salto oltre che ad Anci Lazio hanno infatti stanziato fondi, in proporzione al numero di abitanti, che permetteranno di aiutare la ricostruzione di due edifici pubblici nei centri colpiti dal sisma.

La somma è stata consegnata dalla delegazione direttamente nelle mani dei sindaci Stefano Petrucci  di Accumoli e Sergio Pirozzi di Amatrice.

“In una giornata molto fredda dal punto di vista climatico – ha commentato il sindaco di Rocca Massima, Tomei – abbiamo provato un grande calore nell’animo offrendo un contributo reale e concreto alla rinascita dei due centri colpiti dal terremoto. Una solidarietà che grazie ad Anci Lazio, che ne è promotrice e coordinatrice, tutti i comuni, secondo le proprie possibilità, possono dare rendendo le istituzioni più vicine alle esigenze ed ai bisogni reali della popolazione. Certamente tra le esperienze più belle e toccanti della mia attività da sindaco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento