Cronaca

Tiziano Ferro sul piede di guerra, ricorso contro l’Agenzia delle Entrate

Le indagini risalgono al 2009 e riguardano il trasferimento di residenza del cantante pontino a Londra nel 2005. Il fisco invia un avviso di accertamento e lui impugna l'atto

Ricorrere contro l’Agenzia delle Entrate è la decisione di Tiziano Ferro che si è visto presentare il conto di tre presunti anni di evasione fiscale.

Il famoso cantante pontino ha impugnato l’avviso di accertamento ricevuto da parte del Fisco italiano e ora sarà la commissione tributaria di Latina a prendere una decisione.

I fatti sono legati alla decisione di Tiziano Ferro di trasferire la sua residenza a Londra nel 2005.

Ed è proprio a partire da questo episodio che quattro anni dopo, nel 2009 sono iniziate le indagini che poi hanno portato all’atto emesso contro di lui dall’Agenzia delle Entrate.

Gli anni in questione sono il 2006, 2007 e 2008 e l’importo complessivo di circa 5 milioni di euro più interessi e sanzioni.

Ora quindi la palla passa alla commissione tributaria di Latina che dovrà decidere se il cantautore pontino ha o meno ragione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tiziano Ferro sul piede di guerra, ricorso contro l’Agenzia delle Entrate

LatinaToday è in caricamento