Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Cisterna di Latina

Topi in aula. Emergenza all’istituto Plinio Il Vecchio di Cisterna

"La derattizzazione da sola non basta". È il monito del Comune che per risolvere l'emergenza chiede l'intervento anche di tutti quanti frequentano la scuola. Altro sopralluogo il 6 febbraio

Topi in classe. È quanto sono costretti a vivere da giorni gli alunni della scuola media Plinio il Vecchio di Cisterna.

Non solo i piccoli ratti sgattaiolano tra le aule e i corridoi e le aule dell’istituto di via Primo Maggio, ma gli studenti e gli insegnanti si sono imbattuti in escrementi nascosti nelle zone più impensabili, negli armadietti, sotto i banchi.

Come risolvere quest’emergenza? Prima proposta una derattizzazione completa di tutto il plesso scolastico, anche se a detta dell’amministrazione comunale questo tipo di intervento non è sufficiente. “La derattizzazione da sola non basta" fa sapere il Comune in baso a quanto affermato in una relazione dai competenti tecnici comunali al sindaco in una nota in cui si fa il punto della situazione anche alla luce degli interventi urgenti finora adottati.

“Non appena siamo stati informati – afferma il sindaco Antonello Merolla -, seppure la questione non rientra nelle nostre competenze, abbiamo incaricato una ditta per il posizionamento delle scatole complete di esche ratticida e per il monitoraggio della situazione. E’ risultato chiaro che l’intervento di derattizzazione non può risolvere il problema se insieme non viene attuata una approfondita e costante pulizia dei locali del plesso dopo il termine di ogni attività scolastica”.

C’è bisogno della collaborazione di tutti per far fronte  a quella che negli ultimi giorni si è concretizzata come una vera e propria emergenza. “La scarsa pulizia, infatti, crea l’habitat ideale al proliferare dei topi. Per questo oggi abbiamo dato incarico anche ad una seconda ditta per un consistente intervento di pulizia straordinaria in grado di ristabilire un adeguato stato d’igiene dei locali - fa sapere sempre il sindaco Merolla -. Occorre, però, che tutti, alunni, insegnanti, e addetti alle pulizie, siano adeguatamente responsabilizzati per evitare di creare le condizioni ambientali di richiamo per i topi”.

Ma non basta: “oltre a ciò è necessario eliminare ogni possibile varco di comunicazione tra l’interno dei locali e l’area esterna. Ad iniziare dalla chiusura delle finestre quando il plesso è chiuso. Su questo aspetto, lunedì mattina, i tecnici del servizio manutenzioni del Comune effettueranno un sopralluogo per mappare tutti i possibili varchi d’ingresso dei roditori. Necessaria, infine, anche una adeguata pulizia degli archivi cartacei e dell’area perimetrale della scuola. Va tenuto conto, peraltro, che un intervento di derattizzazione esteso a tutti i locai del plesso è possibile solamente nel corso di prolungati periodi di chiusura. Diversamente l’intervento sortirà uno scarso effetto in quanto limitato ai soli locali in cui gli studenti non accedono”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Topi in aula. Emergenza all’istituto Plinio Il Vecchio di Cisterna

LatinaToday è in caricamento