Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Touch Down, Del Prete chiede di patteggiare. Per gli altri indagati processo il 24 maggio

L'imprenditore di Cisterna ha chiesto di patteggiare a tre anni e due mesi di reclusione e comparirà in tribunale il 10 maggio

Ha chiesto di patteggiare la pena a tre anni e due mesi di reclusione uno degli arrestati nell'ambito dell'operazione Tocuh Down, che lo scorso dicembre aveva portato a 17 arresti tra politici, funzionari e imprenditori del Comune di Cisterna per un giro di tangenti per ottenere appalti pubblici. L'imprenditore Raffaele Del Prete, destinatario di una misura cautelare in carcere, ha chiesto il patteggiamento e ottenuto il parere favorevole del pubblico ministero Valerio De Luca. Comparirà quindi in udienza, davanti al giuice Laura Matilde Campoli, il prossimo 10 maggio.

Il primo a chiedere il patteggiamento era stato l'ex consigliere comunale Giovanni Giarola, accusato di corruzione e turbata libertà degli incanti, che è stato condannat a tre anni e due mesi.Ha chiesto invece di essere giudicato con rito abbreviato, che consente lo sconto di un terzo della pena, l'imprenditore Guglielmo Sbandi, mentre è stata respinta la richiesta di patteggiamento di Rinaldo Donnini. Per lui e per tutti gli altri indagati dell'inchiesta il pm hachiesto il giudizio immediato cautelare e il processo si aprirà il prossimo 24 maggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Touch Down, Del Prete chiede di patteggiare. Per gli altri indagati processo il 24 maggio

LatinaToday è in caricamento