Rifiuti tossici interrati in una cava: 22 misure cautelari. Coinvolti diversi imprenditori

L'operazione della polizia è scattata all'alba tra le province di Roma e di Latina. I poliziotti hanno scoperto il traffico di mezzi pesanti, soprattutto di notte, in una cava di pozzolana dismessa alla periferia di Aprilia

Traffico illecito e sversamento di rifiuti pericolosi. E' iniziata questa mattina una vasta operazione della polizia di Stato coordinata dal Servizio centrale operativo che ha portato a 21 ordinanze cautelari richieste dalla Direzione Distrettuale Antimafia ed emesse dal Gip del tribunale di Roma a carico di altrettanti soggetti ritenuti responsabili di aver realizzato e gestito un'enorme discarica abusiva abusiva nel territorio di Aprilia, in località Tufetto. Attualmente uno degli indagati, destinatario di una misura cautelare in carcere, risulta però irreperibile.

I poliziotti hanno scoperto che, a partire dal marzo del 2016, la cava di pozzolana, alla periferia di Aprilia, dismessa da anni era stata trasformata in una discarica abusiva. 

arresti cava aprilia 2-2-3

LE INDAGINI.

Grazie all´uso di sistemi di videosorveglianza e intercettazioni si è scoperto un intenso traffico di veicoli pesanti che, anche in orario notturno, trasportavano illegalmente rifiuti tossici che venivano immediatamente interrati nell'area di via Corta, attraverso pale meccaniche. Le indagini condotte dai poliziotti del Servizio Centrale Operativo, della Squadra mobile di Latina e della Polizia Stradale di Aprilia, hanno consentito di delineare che al centro della filiera illecita vi erano un 53enne romano e il figlio 22enne. Indagati numerosi imprenditori delle province di Roma e Latina, molti dei quali operanti nel settore del recupero e dello smaltimento dei rifiuti.

I rilievi fotografici effettuati nel corso di un sopralluogo aereo, confrontati con immagini satellitari risalenti nel tempo, hanno consentito di accertare che erano stati realizzati grandi invasi in epoca recentissima.Su autorizzazione della Dda di Roma sono state quindi installate telecamere che hanno poi permesso di verificare l'attività illecita all'interno del sito. Nella cava era infatti presente un escavatore per realizzare le buche e all'interno avvenivano sversamenti di rifiuti solidi urbani, di rifiuti da costruzione e demolizione e di rifiuti pericolosi, come confermato anche dalle esalazioni sprigionate dal cumulo di materiali.

TUTTI I NOMI DEI DESTINATARI DELLE MISURE CAUTELARI

GLI IMPRENDITORI

Dopo lo sversamento dei materiali, che in alcuni casi restavano esposti al sole per giorni, si provvedeva a ricoprire di terra le buche per limitare gli odori. Le intercettazioni telefoniche hanno poi verificato che a gestire la discarica abusiva era Antonino Piattella, considerato dominus dell'intera filiera, insieme al figlio Riccardo Piattella, gestore della cava. Era quest'ultimo infatti a organizzare gli appuntamenti per i singoli conferimenti di rifiuti e si occupava personalmente anche dello scarico e dell'interramento.All'attività collaborava Roberta Lanari, moglie di Antonino Piattella, che incassava invece i compensi.

I rifiuti provenivano da aziende delle province di Roma e di Latina. E' stato quindi possibile, nel corso dell'indagine, ricostruire la rete di imprenditori coinvolti in qualità di conferitori, che operavano proprio nel settore di smaltimento. L'attività criminale ha consentito nel tempo di procurare elevatissimi profitti sia ai conferitori, che aggiravano i canali ufficiali, sia ai gestori della discarica abusiva. Questi ultimi riuscivano infatti a sottrarre al fisco le somme percepite, mentre le aziende di smaltimento che scaricavano rifiuti hanno conseguito un notevole risparmio di spese evitando i costi di procedure lecite ed autorizzate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento