Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Trasporti, tagli della Regione? Una “gestione associata” la risposta

In campo i Comuni di Aprilia, Cisterna, Ardea, Lanuvio, Cori, Roccamassima, Sermoneta e Norma. Convocata per il 16 gennaio un tavolo tecnico per discutere l'iniziativa di una gestione associata del trasporto pubblico locale

Una gestione associata del trasporto pubblico locale: questa la risposta dei Comuni di Aprilia, Cisterna, Cori, Roccamassima, Sermoneta, Norma, Ardea e Lanuvio alle difficoltà e ai tagli della Regione nel settore.

Per domani, venerdì 16 gennaio è previsto un tavolo tecnico per discutere di una gestione d’ambito del tpl già oggetto di discussione in due diverse sedute di Commissione Trasporti ad Aprilia e scaturita, appunto, nei mesi scorsi “a seguito dell’ennesima riduzione di budget operata dalla Regione Lazio, che prevede un taglio di stanziamento da 70 milioni a 54 milioni di euro”.
Intano, con Delibera di Giunta n. 5/2015, spiega il comune di Aprilia in una nota, “l’amministrazione ha approvato l’atto di indirizzo per la gestione associata del trasporto pubblico locale, nell’ottica della volontà comune degli enti di perseguire una strada condivisa e funzionale all’ottimizzazione del servizio attraverso la sua rimodulazione”.

“Va anzitutto ricordato – ha spiegato l’assessore con deleghe di competenza Vittorio Marchitti – che l’anno scorso il Comune di Aprilia ha coperto con fondi propri il taglio di budget regionale, nella consapevolezza che non poteva indebolirsi ulteriormente un servizio già carente, specie perché molti quartieri periferici ancora non sono contemplati nella mappa del trasporto pubblico locale. Quest’anno non possiamo permetterci ulteriori tagli. La Regione ha invitato i Comuni a formulare proposte di riordino del proprio trasporto urbano, auspicando forme di gestione di tipo associativo tra territori limitrofi, in modo da fornire un quadro più definito sia per quanto riguarda i chilometraggi sia in merito alle risorse finanziare da destinare.

In tal senso, l’adesione dei Comuni limitrofi permetterà la creazione di un solo ambito in luogo di due, come ipotizzato all’inizio di questo percorso condiviso. Lo schema di convenzione elaborato dal tavolo tecnico sarà sottoposto all’approvazione di tutti i Consigli Comunali interessati. Ma il tavolo di venerdì prossimo avrà ancora il compito di chiedere una nuova convocazione in Regione Lazio, per iniziare a discutere il Piano di Rete intercomunale sul trasporto pubblico locale”.

SINDACO DI ROCCA MASSIMA TOMEI - “Sono convinto che questa scelta sia la migliore risposta all’imminente taglio del finanziamento nazionale e regionale al Tpl, che comporterà una riduzione dei trasferimenti ai Comuni della Regione Lazio di circa il 25% rispetto al 2014 - commenta il sindaco di Rocca Massima Angelo Tomei -. Questa modalità di gestione associata consentirà di evitare inutili sovrapposizioni, in modo che la prevista razionalizzazione possa servire a non tagliare in modo drastico un servizio di così forte rilevanza sociale, visto il notevole numero di punti di interesse pubblico presenti sui nostri territori (ospedali, scuole, cimiteri, uffici pubblici, servizi) e consentirà in particolare agli abitanti di Rocca Massima di usufruire di un maggior numero di corse, per agevolare gli spostamenti di  studenti ed anziani. La nostra Amministrazione – conclude Tomei- ha creduto da subito ad un modello di gestione associata dei servizi che stiamo valutando seriamente possa estendersi anche ad altre importanti tematiche, come è già stato fatto per i servizi sociali che sono stati proprio recentemente associati al Comune di Aprilia”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti, tagli della Regione? Una “gestione associata” la risposta

LatinaToday è in caricamento