Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

Le indagini dei carabinieri hanno consentito di ritrovare 12 dei 32 impianti oggetto della truffa nel trevigiano

Sono stati ritrovati in un deposito della provincia di Latina 12 dei 32 condizionatori oggetto di una truffa messa a segno nei mesi scorsi ai danni di un’azienda del trevigiano.

Come riporta il sito TrevisoToday due uomini individuati nei giorni scorsi dai carabinieri - l'incensurato 50enne S.B. e il pregiudicato 54enne M.A., entrambi italiani e residenti in provincia di Roma – a luglio avevano perfezionata l’ordine di 32 impianti di condizionamento per un importo complessivo di 13.400 euro. I due, che per effettuare l’acquisto hanno utilizzato nomi inventati e una ditta inesistente, hanno versato un acconto di 3.400 euro poi, una volta ricevuta la merce hanno pagato i 10 mila euro restanti con un titolo di pagamento risultato irricevibile. E si sono persino resi irreperibili.

Le successive indagini condotte dai carabinieri di Col San Martino hanno consentito non soltanto di identificare i due truffatori ma anche di recuperare parte della merce oggetto della truffa: 12 dei 32 condizionatori consegnati sono stati infatti ritrovati in un deposito in provincia di Latina, mentre sono ancora in corso le ricerche degli altri 20 impianti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento