rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Truffe, imprenditori raggirati da finti finanzieri: vittime anche a Latina

Circa 400 imprenditori sono caduti nella rete di quattro truffatori che si spacciavano per militari della finanza e chiedevano di ricaricare online alcune carte di credito. Denunciati

Una maxi truffa messa in piedi da almeno quattro persone che si spacciavano per militari della guardia di finanza e chiedevano a imprenditori e commercianti di ricaricare online alcune carte di credito. A scoprire il raggiro i finanzieri della tenenza di San Pietro Vernotico (Brindisi); tra le vittime anche dei pontini, mentre ad essere denunciate sono state quattro persone, 3 napoletani e un salentino.

In totale le vittime della truffa sarebbero circa 400 su tutto il territorio nazionale, oltre che a Latina anche a Milano, Varese, Novara, Alessandria, Treviso, Bologna, Ancona, Roma, Latina, Viterbo, Salerno, Brindisi e Taranto; tutte avrebbero versato denaro su richiesta telefonica di finti appartenenti alle forze dell'ordine.

Le indagini, condotte in diverse regioni d'Italia e poi concentrate in Campania, dove sono state effettuate numerose perquisizioni, sono partite dopo che un imprenditore di San Pietro Vernotico si era recato in caserma chiedendo di un maresciallo il cui nome risultava però del tutto sconosciuto ai colleghi. Aveva poi raccontato di aver ricevuto una telefonata sul cellulare che lo invitava a ricaricare una carta emessa da 'un istituto di moneta elettronica' con 800 euro, a titolo di favore, e con la garanzia che il saldo sarebbe avvenuto al più presto.

Sono partiti accertamenti bancari ed è stata disposta l'analisi di alcuni tabulati telefonici. Sono stati quindi individuati i presunti truffatori, tre napoletani e un salentino, denunciati alla procura della Repubblica di Brindisi per truffa, usurpazione di titoli e sostituzione di persona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe, imprenditori raggirati da finti finanzieri: vittime anche a Latina

LatinaToday è in caricamento