Si fa ricaricare la PostePay poi scappa dal bar, denunciata con le complici

I fatti nell'aprile scorso in un esercizio commerciale dio Borgo Podgora; la donna, insieme alle due due complici, identificate dai carabinieri sono state deferite per truffa

Prima si fa ricaricare la PostePay poi fugge dal bar senza pagare: identificata è stata deferita insieme alle sue complici dai carabinieri che hanno avviato le indagini dopo la denuncia presentata dal titolare dell’attività.

I fatti il 24 aprile scorso all’interno di un bar di Borgo Podgora.

Come accertato dai militari, la donna si è presentata all’interno dell’esercizio commerciale chiedendo di  ricaricare una tessera PostePay di 350 euro. Ottenuta la ricarica, e approfittando di un momento di distrazione del barista si è allontanata dal locale, fuggendo senza pagare.

I successivi accertamenti hanno consentito di appurare che la donna, per mettere in atto la truffa, aveva utilizzato la carta prepagata e di identità, intestate alle sue complici. Denunciate le tre, delle quali una sottoposta alla misura della sorveglianza speciale di P.S., con l’obbligo di soggiorno nel Comune di Velletri, sono accusate del reato di “truffa”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al lido di Latina: carabiniere si toglie la vita con un colpo di pistola

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus Latina, altra impennata: 382 nuovi casi in provincia. Un decesso

  • Coronavirus Latina: in provincia sono 147 i nuovi casi. Altri tre decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento