rotate-mobile
Cronaca Centro

Timbravano il cartellino e uscivano: sospesi tre dipendenti del Provveditorato

L'indagine, dei finanzieri del Comando provinciale di Latina, è stata condotta attraverso l'uso di una telecamere all'ingresso della sede di Latina e con appostamenti, pedinamenti e riscontri documentali

Timbravano il cartellino e poi uscivano dal posto di lavoro per diverse ore oppure, in qualche caso, si organizzavano per farlo timbrare ad altri. Il sistema messo in piedi da quattro dipendenti del Provveditorato agli Studi di Latina è stato scoperto dai finanzieri del comando provinciale di Latina. Tre di loro sono stati sospesi dal servizio per un anno e denunciati per i reati di truffa aggravata ai danni dello Stato e false attestazioni, mentre un quarto dipendente, attualmente in pensione, non è stato raggiunto dal provvedimento. 

Le indagini delle Fiamme Gialle del Nucleo di polizia tributaria di Latina, coordinate dal sostituto procuratore Valerio De Luca, sono state eseguite attraverso pedinamenti, appostamenti, sopralluoghi e riscontri documentali sui prospetti mensili di assenze e presenze. Una videocamera collocata vicino all’apparecchio per la timbratura del cartellino ha poi permesso di immortalare le scene. I quattro si erano accordati per timbrarsi a vicenda il cartellino che ne attestava la presenza in ufficio, ma in realtà erano fuori o entravano molto più tardi rispetto a quanto risultava dal timbro. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Timbravano il cartellino e uscivano: sospesi tre dipendenti del Provveditorato

LatinaToday è in caricamento