Cronaca

Truffe nella compravendita di auto di lusso, perquisizioni a Latina

Arresti a Viterbo tra i membri del clan Casamonica: acquistava vetture di grosse cilindrate con assegni rubati e poi le reintestava. I carabinieri hanno eseguito perquisizioni anche a Latina

Le accuse a vario titolo sono di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e alla ricettazione nel settore della compravendita di autovetture.

Passa anche per la provincia di Latina l’operazione dei carabinieri di Tuscania, in provincia di Viterbo, che stamattina hanno eseguito 8 ordinanze di custodia cautelare a carico di persone riconducibili al clan dei Casamonica.

Secondo quanto emerso dalle indagini, i membri del sodalizio acquistavano auto di grossa cilindrata con assegni circolari rubati e dopo aver falsificato i documenti le reintestavano a soggetti vicini all'organizzazione.

L'attività investigativa, iniziata nell'agosto 2011, è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma e ha consentito di smascherare la vasta organizzazione che operava con la complicità di alcune agenzie di pratiche auto di Roma. Il gruppo secondo quanto si è appreso, operava nel Lazio, in Molise e Nord Italia; il blitz dei militari è scattato questa mattina all'alba: oltre agli arresti sono state eseguite numerose perquisizioni a Roma, Viterbo, Latina, Campobasso e Padova.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe nella compravendita di auto di lusso, perquisizioni a Latina

LatinaToday è in caricamento