menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ottobre rosa: si apre la campagna dedicata alla prevenzione del tumore al seno

Ieri la cerimonia nella sala consiliare di Terracina con il passaggio di testimone dal Comune di Roccagorga. Un mese di iniziative dedicata alla sensibilizzazione sul tema e agli screening gratuiti anche al di fuori delle fasce di età già previste

Passaggio di testimone dal Comune di Roccagorga a quello di Terracina per l’apertura della 25esima edizione della campagna Nastro Rosa, organizzata dalla Lega per la lotta ai tumori e dalla Asl. Obiettivo: sensibilizzare i cittadini sull’importanza della prevenzione nella battaglia contro il tumore al seno. Ieri, domenica 1 ottobre, la cerimonia di inaugurazione nella sala consiliare del Comune di Terracina, alla presenza del sindaco Nicola Procaccini, del sindaco di Roccagorga Carla Amici, del presidente della Lilt provinciale Alessandro Rossi, del delegato de La Sapienza Carlo Della Rocca, del direttore clinico della Breast Unit Fabio Ricci e del direttore sanitario della Asl pontina Luciano Cifaldi.

Un mese interamente dedicato alla prevenzione, con screening gratuiti rivolti alle donne anche di età compresa tra i 45 e i 49 anni e dopo i 70 anni. Importanti le iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema, nella convinzione che quella contro il tumore al seno non sia solo una battaglia medica ma anche e soprattutto culturale. Ecco perché sono molti i Comuni che, aderendo alla campagna, hanno deciso di illuminare di rosa, il colore simbolo di questa lotta, un monumento simbolo delle loro città. A Terracina, come ha annunciato il primo cittadino Nicola Procaccini, sarà illuminato per tutto il mese il tempio di Giove. Durante la cerimonia di apertura è stato tracciato anche un bilancio positivo dell’esperienza della Breast Unit, l’unità presente anche a Latina che segue le donne malate di tumore al seno nel percorso dalla diagnosi alla cura, dall’intervento fino al post intervento. Positiva anche l’esperienza del Dragon Boat, la disciplina sportiva dedicata alle donne operate al seno, che ha reso Latina un modello a cui ispirarsi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La tradizione in tavola: la Carbonara

  • Cucina

    La tradizione in tavola: la pastiera napoletana

Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento