rotate-mobile
Cronaca

Urbania, fideiussione falsa e denaro perso: esposto del Pd in Procura

Dopo l'ultima seduta, i consiglieri del Partito Democratico portano i verbali della Commissione Viabilità alla magistratura e presentano un esposto per chiarire la vicenda dei parcheggi a pagamento

Fare piena luce sulla situazione dei parcheggi a pagamento nel capoluogo pontino. Per questo i consiglieri comunali del Pd presenteranno un esposto alla Procura. “Noi non saremo complici dell’incapacità di questa amministrazione di gestire nel caso Urbania” hanno commentato Aristide Carnevale, Alessandro Cozzolino, Fabrizio Mattioli e Fabrizio Porcari dopo la seduta di oggi della Commissione Viabilità cui sono intervenuti il dirigente del settore Viglialoro e quello dell’avvocatura Di Leginio per discutere del caso Urbania.

Come ricordano gli esponenti del Partito Democratico in piazza del Popolo, “la società che ha gestito i parcheggi a pagamento a Latina dal febbraio 2010 al novembre 2012, ha incassato i soldi dei parcometri e non li ha girati nelle casse comunali, come invece sarebbe dovuto avvenire da contratto. Il debito di Urbania nei confronti dell’amministrazione ammonta a circa 1.238.368 euro per gli incassi da dicembre 2011 a novembre 2012. Ma a questi soldi però vanno aggiunte le penali. Il contratto infatti prevedeva che ogni 15 del mese Urbania girasse l'incasso al Comune del mese precedente. Per ogni giorno dei singoli mesi di ritardo era prevista una penale di 100 euro che raddoppiava dopo 15 giorni dalla contestazione. Secondo i calcoli dei consiglieri del Partito democratico solo le penali ammonterebbero a 391.900 euro”.

“Il Comune ha invece deciso arbitrariamente, come confermato oggi in commissione dal dirigente del settore, di calcolare le penali in via bonaria stabilendo la cifra di 87.663 euro – dicono i consiglieri del Pd -. A fronte di un debito di circa 1 milione e 300mila euro, inoltre, questa amministrazione ha trattato per recuperare 250mila euro trattenendo i parcometri e scontando alcuni lavori fatti da Urbania. Ma questo non è stabilito in nessun clausola del contratto”.

Ma la cosa più grave, come spiegano i consiglieri del Pd, riguarda la fideiussione, sottoscritta da Urbania prima della firma del contratto con il Comune di Latina, che è risultata falsa.

“Questa amministrazione – sottolineano i consiglieri Carnevale, Cozzolino, Mattioli e Porcari – invece di denunciare tutto alla magistratura competente, ha trovato un accordo bonario con Urbania per una rateizzazione in 24 comode rate per 42,5 mila euro a rata abbonando le penali e calcolandole su basi inesistenti. Noi non saremo complici di questa situazione – concludono i consiglieri del Pd – e porteremo il verbale della Commissione Viabilità di oggi in Procura dove presenteremo il nostro esposto per ricostruire questa situazione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urbania, fideiussione falsa e denaro perso: esposto del Pd in Procura

LatinaToday è in caricamento