Cronaca

Urbanistica, nuove costruzioni nel fango nei borghi e centro dimenticato

La denuncia della Fiaip: in luce "le contraddizioni dell'urbanistica pontina" fatta di sproporzionate costruzioni nelle zone di nuova espansione e nei borghi e di un centro abbandonato

Latina nel degrado, soprattutto nelle zone cosiddette “di nuova espansione”. Questa è la denuncia della Fiaip di Latina che mette in evidenza come le zone periferiche del capoluogo siano contraddistinte da “quartieri invivibili, dove quando esci, i piedi devi metterli nel fango; zone senza marciapiedi, niente segnaletica stradale. Spazi verdi fatti di sole erbacce, nessuna illuminazione né allaccio alla fognatura comunale. Benché il servizio, per la fognatura, si paghi eccome”.

Il riferimento è alle zone di Sabotino, Faiti, Piave, Podgora. “In quest’ultimo, ad esempio, proprio a Podgora – esordisce Marco Ricchi membro del direttivo provinciale Fiaip Latina -, dal 2003 ad oggi sono stati costruiti decine di fabbricati, tra palazzine e villette a schiera, alle quali si accede con strade intitolate ad illustri personalità quali Cartesio e Pasteur. Fortunato chi abita sul fronte della provinciale per Cisterna – insiste Ricchi -: per gli altri la strada è del tutto immaginaria e la mulattiera che il Comune definisce "via" sarebbe meglio intitolarla a San Marco, non il santo ma, il Battaglione; l’unico, coi mezzi da sbarco di cui dispone, a poter transitare e sui 25/30 centimetri di acqua e fango che si formano alle prime piogge”.

“La gente si chiede come sia stato possibile che case costruite secondo il piano regolatore siano state abbandonate dalle amministrazioni competenti: le nostre automobili e quelle dei nostri ospiti sono a rischio; quando piove il postino non passa, la polvere che si alza d'estate riempie le case e i nostri polmoni. Non per ultimo, poi, quello di supportare il Comune di Latina pagando regolarmente l'Imu, la nettezza urbana, l'acqua, ecc per servizi carenti quanto inesistenti: le case le abbiamo comprate e pagate, ma forse la strada, i marciapiedi, l'illuminazione e le fogne non erano compresi nel prezzo”.

“La nostra è una strana città – afferma Santino Nardi, presidente provinciale Fiaip Latina - si continua a costruire in quartieri di nuova espansione e nei borghi, creando ad arte grovigli burocratici per disperdere le colpe sulle opere pubbliche eternamente incompiute. Non tralasciando il fenomeno del consumo di suolo: nella nostra provincia la crescita dell'urbanizzazione dal 1999 al 2009 è stata pari a 2.018 ettari, pari a 0,8 volte le dimensioni della città di Latina. Ogni giorno si perdono circa 5.600 mq di suolo e, nel decennio, il suolo agricolo consumato è stato di 2.142 ettari secondo i dati del Rapporto 2012 del Centro Ricerca Consumo di Suolo fondato da Legambiente e Istituto Nazionale di Urbanistica (Inu)”.

E a Latina centro? Non va certo meglio, anzi. Il centro storico, dicono i dati in possesso della Fiaip, è ormai spopolato: all’interno della vecchia circonvallazione si stima resistano non più di 17mila residenti, su una popolazione cittadina complessiva che da tempo ha superato quota 120mila. “Il centro è sprovvisto di servizi atti a trattenere il residente – afferma Ricchi – e per di più è sommerso dal traffico e dal degrado. Oltre i pub non c’è nulla: c’è difficoltà persino per approvigionarsi di generi alimentari”.

A Latina si dovrebbe cominciare una ricognizione immobiliare dell’esistente – insiste Nardi – e pianificare uno sviluppo sostenibile del territorio che non sia votato al consumo del suolo tramite concessioni indiscriminate di cubature e volumetrie, ma che miri al recupero soprattutto quando sia centrale e degradato. Penso ad una politica urbanistica che incentivi il restauro e il recupero, con provvedimenti concreti di premialità in merito ai contributi di costruzione ed eventualmente sotto altri profili edilizi e urbanistici, senza snaturare la struttura molto bella che la città ha avuto urbanisticamente al tempo della bonifica”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urbanistica, nuove costruzioni nel fango nei borghi e centro dimenticato

LatinaToday è in caricamento