Cronaca Aprilia

Manette per un’intera famiglia di usurai: prestiti a tassi esorbitanti

In manette padre, madre e figlio di Aprilia a cui si rivolgevano imprenditori medio-piccoli e professionisti per avere crediti a tassi vicini al 135% su base annua. Sequestri per 2 milioni di euro

Intera famiglia usuraia ad Aprilia. Nella giornata di ieri la guardia di finanza del comune pontino ha dato esecuzione di alcune ordinanze di custodia cautelare in carcere disposte dal Giudice per le Indagini Preliminari del tribunale di Latina, Tiziana Coccoluto, a carico di un intero nucleo familiare.

Per loro le accuse sono di usura, estorsione, violenza e minacce.

I provvedimenti sono arrivati in seguito ad un articolato e complesso quadro di investigazioni e accertamenti eseguiti dalle fiamme gialle di Aprilia sotto la direzione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Latina, Cristina Pigozzo, titolare dell’inchiesta.

I soggetti coinvolti sono una coppia di Aprilia, 67enne lui e 66enne lei, e il loro figlio, un 46enne residente ad Ostia.

Le indagini eseguite hanno permesso di individuare una decina di soggetti, quasi tutti imprenditori medio-piccoli e professionisti operanti nelle zone di Aprilia, Pomezia e Ardea, che si erano rivolti agli arrestati per ottenere prestiti e finanziamenti a tassi usurari che, attraverso l’analisi della copiosa documentazione bancaria acquisita nel corso delle indagini (estratti conto, assegni, cambiali, distinte di versamento e prelevamento) sono risultati vicino al 135% su base annua.

Nel corso dell’operazione, sono stati sottoposti a sequestro preventivo 2 terreni e 9 unità immobiliari, ubicati nei comuni di Aprilia, Adea, Pomezia e Soriano nel Cimino, nonché quote societarie e 9 automezzi per un controvalore complessivo di circa due milioni di euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manette per un’intera famiglia di usurai: prestiti a tassi esorbitanti

LatinaToday è in caricamento