Il monumento ai Caduti del Mare deturpato dai vandali, l’Anmi interviene e ripulisce

A lavoro i volontari dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia che hanno ripulito il monumento imbrattato di vernice spray e scritte insensate. I complimenti dell'Amministrazione comunale di Cisterna

Ancora vandali in azione a Cisterna: preso di mira questa volta il monumento ai Caduti del Mare che si trova in piazza Marinai d’Italia, imbrattato di vernice spray e scritte insensate. 

Il monumento, nei mesi scorsi, infatti, è stato più volta oggetto di atti vandalici; e questa mattina l’Anmi di Cisterna ha concluso un nuovo intervento di pulizia. “La buona volontà ed il senso di responsabilità dei volontari - ha commentato l’Amministrazione - ha prevalso sull’inciviltà, e così già da qualche giorno sono intervenuti sull’area per ripulire tutto”.

Non è la prima volta che la sezione locale dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, presieduta da Benedetto Pizzoli, si rimbocca le maniche per rendere più decorosi degli spazi pubblici: già nei mesi scorsi avevano ripulito la piazza dedicata ai marinai e l’area adiacente la loro sede che si trova in piazza Amedeo di Savoia.

Ringrazio a nome di tutta l’amministrazione comunale i volontari dell’Anmi – dichiara l’assessore al Patrimonio, Barbara Buffarini – il loro è un esempio di cittadinanza attiva e meritorio senso civico da contrapporre all’inciviltà e all’indifferenza”.

monumento_caduti_mare_cisterna_1

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

Torna su
LatinaToday è in caricamento