rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Formia

Merce contraffatta in vendita, arrestato un 53enne. Era ricercato da due anni

In manette un uomo di origini senegalesi che organizzava la vendita della merce contraffatta ed è è risultato essere inserito in un più ampio contesto della vendita di prodotti falsi nel napoletano. Era latitante dall'aprile del 2013

Un uomo di 53 anni di origini senegalesi dedito alla vendita di merce contraffatta, e ricercato da oltre due anni, è stato arrestato dagli uomini della guardia di finanza nel fine settimana scorso a Formia.

L’operazione nell’ambito di un più ampio servizio delle fiamme gialle volte a contrastare il fenomeno del commercio abusivo e della contraffazione che si è concretizzato in una serie di controlli effettuati durante la festa di Sant’Erasmo.

Controlli che si sono concentrati soprattutto su un gruppo di cittadini extracomunitari intenti proprio alla commercializzazione di capi d’abbigliamento, scarpe, borse e portafogli  recanti marchi di note case produttrici contraffatti quali Gucci, Armani, Adidas, Nike, Converse, Fred Perry, Disegual e Prada.

In particolare  i militari si sono soffermati sulla figura del 53enne originario del Senegal che, insieme ad altri connazionali, organizzava la vendita della merce contraffatta e che al termine di accertamenti specifici, è risultato essere inserito in un più ampio contesto della vendita di prodotti falsi che fa capo alla malavita del napoletano.

Infatti, è risultato che l’uomo risultava già colpito nell’aprile 2013 da un’ordinanza di  carcerazione emessa dal tribunale di sorveglianza di Napoli e dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Napoli - ufficio esecuzioni penali, per l’espiazione di una pena detentiva di sei mesi in relazione alla reiterazione dei reati di ricettazione, falso e contraffazione; provvedimento che non era mai stato possibile eseguire attesa l’irreperibilità dell’uomo e lo stato di latitanza a cui si era dato.

Non solo, ma da ulteriori verifiche è emerso come il 53enne nel corso del tempo si era servito di diversi “alias”; di concerto con il magistrato di turno della Procura di Cassino è stato arrestato e associato presso la casa circondariale di Cassino.

Nell’ambito della stessa operazione, poi, i finanzieri hanno anche denunciato un 45enne italiano, sempre per detenzione di articoli contraffatti e ricettazione e un 35enne di origini senegalesi anche lui per per detenzione e commercio di articoli contraffatti e ricettazione, nonche’ per la violazione della normativa sugli stranieri, atteso che lo stesso era privo di regolare permesso di soggiorno. Complessivamente sono stati sequestrati circa 600 articoli recanti il marchio di fabbrica abilmente contraffatto.

Ma i controlli della guardia di finanza svolti durante la festa del Santo Patrono di Formia si sono concentrati anche sulla repressione e il contrasto dei reati in materia di stupefacenti svolti con l’ausilio di Bam; segnalate alle competenti Prefetture di Roma, Napoli  e Latina  cinque persone per la detenzione ai fini personali di circa 15 grammi di droga tra hashish, cocaina e marijuana.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Merce contraffatta in vendita, arrestato un 53enne. Era ricercato da due anni

LatinaToday è in caricamento