No alla violenza contro le donne, tutte le iniziative del Comune

Bilancio dell'assessore Fanti sugli interventi dell'Ente: "In via di completamento il progetto per la realizzazione di una struttura residenziale stabile denominata Casa di prosecuzione"

Scendere in campo per difendere la donna e i suoi diritti, per contrastare la violenza, i maltrattamenti e le prevaricazioni dell’uomo nei suoi confronti. Questo da anni è uno degli obiettivi dell’amministrazione comunale di Latina sempre più attiva nell’ambito del sociale.

E a fare un bilancio di quelle che sono le iniziative portate avanti proprio dall’Ente di piazza del Popolo, è l’assessore ai Servizi Sociali, Patrizia Fanti.

“Il rinnovo del protocollo d’intesa tra Provincia, Comuni e Prefettura di Latina ci offre l’occasione per tracciare un bilancio delle iniziative portate avanti dalla nostra amministrazione comunale per contrastare la violenza sulle donne. Servizi mirati, che servono tutto il territorio provinciale e che dimostrano l’impegno e la sensibilità del nostro Ente”.

Ma ripercorriamo le tappe di questi interventi che partono nel febbraio 2009 con al firma del primo protocollo tra il Comune di Latina e il Dipartimento per i diritti e le pari opportunità, che ha reso il territorio pontino il volano del progetto nazionale “Arianna”. Il Centro Donna Lilith è stato poi indicato dall’amministrazione comunale quale struttura territoriale di riferimento ed è stata così inserita nella mappatura del “1522”, la linea telefonica dedicata alle vittime di violenza, attiva 24 ore su 24.

Nell’ottobre 2009 è stata firmata un'intesa territoriale d’intesa denominato “La Rete di contrasto alla violenza alle donne del Comune di Latina”, con l’obiettivo di integrare le azioni realizzate dai singoli enti - comunali, giuridiche, sanitarie, di polizia, di portatori di interesse come associazioni di volontariato, gruppi di donne - e organismi nei diversi ambiti di intervento necessari per il contrasto alla violenza. L’obiettivo è di intercettare le situazioni di violenza e offrire risposte adeguate di presa in carico delle vittime, contrasto agli aggressori e prevenzione, educazione e sensibilizzazione della cittadinanza.

Proprio quest’anno, il 14 febbraio, il Comune di Latina hasiglato il secondo protocollo d’intesa con il Dipartimento per i diritti e pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è diventato ambito territoriale di rete entrando a far parte della Rete Nazionale Antiviolenza del Dipartimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ricordiamo, inoltre, che è attiva sul territorio una convenzione stabile tra l’amministrazione comunale e l’associazione di volontariato Centro Donna Lilith, che garantisce il funzionamento di un centro di ascolto per le vittime di violenza, e che sul territorio è presente una “Casa rifugio” per le donne bisognose di protezione. Infine – conclude l’assessore ai servizi sociali del Comune di Latina - è in via di completamento il progetto che doterà il comune di una struttura residenziale stabile denominata “Casa di prosecuzione”, in cui le vittime di violenza potranno terminare il percorso di reinclusione sociale all’uscita dalla “Casa rifugio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, controlli della polizia: scoperta parrucchiera che lavorava in casa. Denunciata

  • Coronavirus Latina: nel Lazio 2.642 positivi, ma ci sono 24 guariti nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus, Latina piange la morte del ginecologo Roberto Mileti. E' la tredicesima vittima in provincia

  • Terracina, 250 mascherine donate al Comune. Il biglietto: "Dal vostro concittadino Gabriele Orlandi"

  • Coronavirus Latina: due morti e 20 contagi in più in provincia, nel Lazio 167 nuovi casi

  • Coronavirus, l'assessore regionale D'Amato: "Test rapido a tutti gli abitanti del Lazio"

Torna su
LatinaToday è in caricamento