A Scuola contro la violenza sulle donne, il progetto di Istituto Ramadù e Comune di Cisterna

Si tratta di un programma di azioni finanziato interamente dalla Regione teso a prevenire e contrastare il fenomeno della violenza contro le donne e rivolto agli alunni di entrambi i plessi, sia polo tecnico che liceale

Campus dei Licei Ramadù di Cisterna

Si intitola “We Are You, a Scuola contro la violenza di genere" il progetto promosso dall’Istituto scolastico superiore Massimiliano Ramadù insieme a Comune di Cisterna, Provincia di Latina, Consulta delle Donne di Cisterna, associazione “Sostegno Donna” e Movimento Forense sezione provinciale di Latina.

Si tratta di un programma di azioni finanziato interamente dalla Regione Lazio teso a prevenire e contrastare il fenomeno della violenza contro le donne e rivolto agli alunni di entrambi i plessi (sia polo tecnico che liceale) del grande istituto scolastico superiore di Cisterna. 

Il progetto si articolerà in lezioni frontali, seminari, letture, ma anche proiezione di film, organizzazione di seminari, convegni che esploreranno specifici aspetti del fenomeno come quelli psicologici e quelli legali. Spazio anche alla creatività degli studenti che saranno chiamati a realizzare prodotti multimediali per la creazione di una vera e propria campagna mediatica di sensibilizzazione ed un murales simbolico.

Significativa, inoltre, sarà l’attenzione rivolta dall’istituto all’implementazione del C.I.C (Centro Informazione e Consulenza) che prevedrà servizi specifici per i casi di abuso e di violenza di diverso grado. 

In tutto questo percorso i ragazzi saranno supportati, oltre che dalle professionalità interne alla scuola, anche dagli esperti messi a disposizione dall’associazione Sostegno Donna, dalla Consulta delle Donne di Cisterna e dal Movimento Forense provinciale.

“Un’azione progettuale – sostiene la dirigente scolastica dell’I.I.S. Ramadù, Anna Totaro - che vede al lavoro in sinergia Scuola, istituzioni locali e associazioni del territorio, per prevenire e contrastare un fenomeno sociale preoccupante, attraverso la cooperazione efficace e coordinata degli organismi a diversi livelli competenti. Tra le finalità del progetto, la promozione della cultura della denuncia degli abusi e delle violenze e il rafforzamento della consapevolezza che solo le Istituzioni e le Associazioni possono, rispettivamente, tutelare  e sostenere  le vittime, restituendo loro dignità. 

Il progetto è attuativo delle recenti disposizioni normative che hanno ampliato le competenze della scuola in ordine all’educazione all’affettività, al rispetto della diversità e delle pari opportunità, superando gli stereotipi di genere e tutte le forme di pregiudizio, attraverso la sensibilizzazione, l’informazione e la formazione dei giovani”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ un progetto al quale questa amministrazione comunale tiene molto – ha commentato il sindaco Eleonora Della Penna – perché quello della violenza di genere è un problema soprattutto culturale che si può superare solo attraverso l’educazione dei più giovani a nuovi modelli sociali. Inoltre, è stata l’occasione per costituire e consolidare una rete territoriale antiviolenza che coinvolge ed interfaccia associazioni, professionisti ed istituzioni e che opererà anche oltre questa specifica iniziativa progettuale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni amministrative 2020, i risultati: è ballottaggio a Fondi e Terracina

  • Elezioni a Fondi 2020: è ballottaggio tra Maschietto e Parisella

  • Elezioni a Terracina 2020: è ballottaggio tra Roberta Tintari e Valentino Giuliani

  • Coronavirus, 195 casi nel Lazio e tre morti. In provincia dati in flessione dopo il picco

  • Coronavirus: ancora 230 casi positivi nel Lazio e 22 nuovi contagi in provincia

  • Coronavirus: 10mila tamponi e altri 230 casi nel Lazio. In provincia 15 contagiati in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento