Eccellenze pontine: il Moscato di Terracina

Una produzione che è sia uva da tavola che un ottimo vino conosciuto in tutto il mondo e dalle antichissime origini

L’Agro pontino è ricco di prodotti di altissima qualità, una terra che dona ortaggi, frutta e verdure di pregio, molti dei quali ricevono menzioni e denominazioni speciali. Tra questi c’è sicuramente il Moscato di Terracina un vino di origini antichissime che viene prodotto solo nel basso Lazio tra i comuni di Monte San Biagio, Terracina e Sonnino.

Un vino che arriva dall’antica Grecia

Si racconta che la coltivazione dell’uva sia stata introdotta da alcuni coloni Greci che in epoca antica approdarono nelle terre tra Gaeta e Terracina. I Romani, amanti del tipico sapore di questo vino, continuarono la sua coltivazione decantandolo in moltissime opere classiche in cui viene citato il vino Cecubo (che prendeva il nome dai colli Cecubi posti tra Sperlonga, Itri e Fondi dove veniva coltivato e prodotto), da letterati come Orazio, Pollione e Plinio, giusto per citarne alcuni. Nel corso dei secoli e l’avanzare della palude la produzione si è ridotta per essere ripresa piano piano nell’Ottocento e intensificata nel Novecento dopo la bonifica delle paludi pontine. Il nome attuale deriva dalla parola latina muscum, muschio, che fa riferimento all’aroma profumato di questa pianta.

Coltivazione e realizzazione dei vini

Il Moscato di Terracina, essendo un vino DOC, prevede una rigida regolamentazione sia per quanto riguarda la coltivazione dell’uva che per la realizzazione del vino. Un vino può essere definito Moscato di Terracina se le uve che lo compongono sono per l’85% prodotte nel sud pontino, nelle zone collinari ai piedi dei monti Ausoni che hanno una conformazione chimica del territorio, una presenza di luce e di acque che donano caratteristiche irripetibili a questo tipo di vino, ormai famoso in tutto il mondo. Ne vengono prodotte quattro tipologie: secco, amabile, passito e spumante; tutte dal tipico colore giallo dorato, un gusto vellutato e molto aromatico.

Come abbinare il vino moscato

Il Moscato è un vino molto versatile, la produzione variegata gli permette di essere abbinato a una quantità incredibile di cibi e portate dall’antipasto al dessert all’aperitivo. Forse raggiunge il picco di sapore se abbinato ai frutti di mare, in particolare le ostriche, e con i formaggi molto stagionati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

Torna su
LatinaToday è in caricamento