rotate-mobile
Economia

Chiarato: “Sì all'aeroporto, ma salvando la scuola di volo militare”

L'esponente di Città nuove: "È prioritario mantenere il centro di addestramento e impedire che i piloti e le loro famiglie, circa 1000 persone, lascino Latina per trasferirsi a Lecce"

“Mantenere il centro di addestramento piloti internazionale è a mio avviso prioritario”. Un’altra voce fuori dal coro sull’ipotesi della conversione dello scalo militare del Comani di Latina in un aeroporto civile. È quella del consigliere comunale di Città Nuove Gianni Chiarato, che annuncia l’intenzione di presentare un ordine del giorno sul tema.

Per l’esponente della lista Polverini si potrebbe mantenere l’uso militare dello scalo latinense e “integrare all’attuale aereoporto anche il cargo commerciale per dare un’infrastruttura necessaria alle nostre imprese e renderle più competitive, oltre allo scalo civile in determinate fasce orarie, rendendoli compatibili con gli addestramenti”.

“Purtroppo devo constatare che un’intera classe politica non ha ancora capito – afferma il consigliere di maggioranza - che sui grandi temi bisogna trovare prima una sintesi e poi mettere concretamente in atto azioni tese a garantire il nostro territorio. Questo probabilmente è il vero motivo che ha visto la nostra provincia isolata e fuori dai grandi temi”.

Per Chiarato le istituzioni locali dovrebbero porsi l’obiettivo di evitare che il Comani perda il suo ruolo di sede della scuola di volo militare: “Parliamo di circa 1000 persone, famiglie che dovrebbero lasciare la nostra città e trasferirsi a Lecce, posti di lavoro che perderemmo ai quali va aggiunto l’indotto, mense, pulizie supporti tecnici l’equivalente probabilmente alla chiusura di due multinazionali e dagli interventi che ho letto in questi giorni nessuno ha considerato il dramma sociale che dovremmo affrontare. Non possiamo accettare supinamente questa eventuale intenzione ma innalzare le barricate, se necessario”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiarato: “Sì all'aeroporto, ma salvando la scuola di volo militare”

LatinaToday è in caricamento