menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agricoltura, Anbi: “Senza piogge il Lazio è rischio siccità. Imprese in difficoltà”

Latina la provincia pontina non fanno eccezione. Direttore Renna: ”Siamo pronti per eventuali provvedimenti di urgenza. In ballo ci sono coltivazioni per migliaia di ettari”

"In assenza di precipitazioni, purtroppo, a breve anche il Lazio è a rischio siccità". Questa la preoccupazione di Andrea Renna, direttore di Anbi Lazio - Associazione dei Consorzi di Bonifica e Irrigazione. "Stiamo vivendo quello che rischia di essere ricordato come uno degli inverni più caldi degli ultimi decenni, con una prospettiva, stando alle previsioni meteo aggiornate, affatto rassicurante. Effetti dei mutamenti climatici coi quali dobbiamo fare i conti e che ci obbligano a rivedere il nostro approccio con le risorse idriche e con il loro uso quotidiano". 

Anche il Lazio ha bisogno di acqua e neve per rimpinguare le riserve idriche necessarie a fronteggiare i mesi estivi che, per dinamiche umane e produttive, comportano un aumento dei consumi potabili e la necessità di irrigare le coltivazioni. 

"Nel Lazio è allerta ovunque- aggiunge Renna- come confermato dai colleghi direttori di tutti i Consorzi”. L'acqua è indispensabile perché ora gli agricoltori mettono a dimora le coltivazioni. “Latina e Fondi non fanno eccezione - prosegue Anbi Lazio -. I dirigenti del Consorzio di Bonifica Lazio Sud Ovest (ex Agro e Sud Pontino) hanno programmato la misurazione del livello di fiumi e bacini e riunioni zonali con gli imprenditori per concordare eventuali misure di emergenza. Allerta nel reatino e nel frusinate, dove tuttavia la storicamente buona portata dei fiumi Velino, Liri, Gari e Rapido, rimasta tale pur in assenza di nevicate, è garanzia di approvvigionamento idrico per le imprese dei rispettivi sistemi agricoli della Piana reatina (servita dal Consorzio di Bonifica Etruria e Sabina) e di Cassino e Pontecorvo, serviti dal Consorzio Lazio Sud Est (ex Valle del Liri)”. 

"Siamo pronti per eventuali provvedimenti di urgenza. La direzione tecnica di Anbi Lazio è in contatto coi Dipartimenti della Regione Lazio e con le associazioni agricole per monitorare, l'andamento climatico. Dobbiamo garantire alle aziende l'avvio delle coltivazioni. In ballo - spiega Renna- ci sono coltivazioni per migliaia di ettari. Gli agricoltori hanno investito nell'acquisto delle semine, devono mettere a dimora le piantine. Serve acqua oggi e ne servirà da qui fino ad agosto tanto per salvaguardare la produzione e il reddito aziendali, quanto per assicurare ai consumatori i prodotti agroalimentari di qualità e a chilometro zero che sono diventati uno dei pilastri dell'export laziale nel mondo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La tradizione in tavola: la Carbonara

  • Cucina

    La tradizione in tavola: la pastiera napoletana

Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento